ANCONA – Da venerdì 2 luglio verrà aggiornata la banca dati dei disoccupati. La revisione sarà curata dal Servizio regionale “Attività Produttive, Lavoro e Istruzione – P.F. Gestione del mercato del lavoro e dei servizi per l’impiego (pubblici e privati)”.

Lo scopo è quello di valorizzare i comportamenti attivi delle persone alla ricerca di lavoro, cancellando coloro che, nel corso degli anni, si erano iscritti, presso i Centri per l’impiego, per motivi diversi dall’effettiva disponibilità al lavoro (ad esempio per ottenere ticket sanitari accesso a benefici sociali). Nella banca dati resterà inserito, come “disoccupato”, chi, negli ultimi 24 mesi, si è attivato, attraverso i servizi offerti dai Centri, nella ricerca di un lavoro o in percorsi di formazione o riqualificazione professionale.

Gli “inattivi” da più di 24 mesi decadranno dall’iscrizione, perdendo la condizione di disoccupato e la relativa anzianità di disoccupazione (come previsto dalla normativa vigente: Decreto legislativo 150/15 (e successive modificazioni e integrazioni) e Delibera di Giunta regionale 1019/21). I disoccupati che perdono lo “status” avranno, in ogni caso, la possibilità di re-iscriversi.

“La revisione della banca dati permette ai Centri per l’impiego regionali di ottimizzare risorse e servizi nei confronti di coloro che siano alla effettiva ricerca di una occupazione”, evidenzia l’assessore regionale al Lavoro Stefano Aguzzi.

Gli elenchi degli “Inattivi”, sono pubblicati sul sito regionale al seguente link: https://www.regione.marche.it/Entra-in-Regione/Descrizione-dei-servizi-dei-CPI. La pubblicazione ha valore di notifica. L’elenco è anche affisso nelle bacheche dei Centri per l’Impiego della Regione Marche. Ai fini del rispetto della Privacy, nell’elenco i dati relativi a nome e cognome sono sostituiti dal corrispondente codice identificativo assegnato a ciascuno dal gestionale JobAgency (Id Sil).


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.