ANCONA – La Regione Marche ha approvato un bando pubblico a sportello per l’assegnazione di circa 4,5 milioni di euro di contributi ai Comuni marchigiani per la messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico. La delibera è stata approvata ieri dalla giunta su proposta dell’assessore alla Tutela del territorio Stefano Aguzzi. L’importo, concedibile a ciascun Comune che potrà presentare al massimo due progetti, non potrà superare l’importo di euro 300 mila.

Per ogni progetto presentato, il Comune richiedente si impegna a cofinanziare l’investimento con risorse proprie, per una quota non inferiore al 20% del contributo richiesto alla Regione Marche.

“Finalità del bando è di favorire gli investimenti per la messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico supportando l’attività svolta dai Comuni – spiega l’assessore Aguzzi -. Gli interventi serviranno a prevenire tutti quegli eventi che possono mettere in pericolo la popolazione e causare danni alle infrastrutture di competenza pubblica: rischio valanghe, esondazioni, dissesti idrogeologici, mareggiate. Ai fini dell’individuazione delle priorità d’intervento, come criterio base è stato scelto lo strumento più semplice e rapido, quello della “procedura a sportello” che sarà effettuata rispettando l’ordine di presentazione delle richieste inoltrate dai singoli comuni, senza attendere la chiusura dei termini, fino all’esaurimento delle risorse disponibili”.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.