ASCOLI PICENO – Di seguito una nota, giunta in redazione il 6 agosto, da parte del Comitato Aria Pulita di Villa Sant’Antonio e Castel di Lama.

A Villa Sant’Antonio e parte di Castel di Lama le condizioni di vita sono sempre più difficili, la puzza del depuratore è così forte che impedisce il sonno, provoca bruciori agli occhi e nausea.

La gravità della situazione è tale che l’Asur con un documento datato 5 luglio 2021 e indirizzato al sindaco di Ascoli Marco Fioravanti, “significa la necessità di emettere un provvedimento urgente, a tutela della popolazione”.  A distanza di un mese non abbiamo notizia di provvedimenti presi dal primo cittadino.

Abbiamo inviato una Pec all’Asur chiedendo un intervento immediato considerando  che la situazione è in progressivo e netto peggioramento. e la popolazione è preoccupata e esausta.

Qui di seguito la Pec inviata all’Asur.

Ci troviamo costretti a segnalare che la popolazione di Villa Sant’Antonio da tempo e in particolare in questo periodo estivo è sommersa da cattivi odori provenienti dal depuratore consortile che si propagano nel popoloso abitato.

In questi giorni i residenti stanno soffrendo pesantemente non riuscendo neppure a dormire con persistenti problemi alla gola e agli occhi oltre a forte nausea.

I cattivi odori si diffondono in una vasta area e colpiscono un ingente numero di residenti.

Dopo la vostra nota del 5 luglio 2021, numero 0055426, rivolta al Sindaco di Ascoli Piceno non abbiamo notizia di interventi ma soprattutto la situazione è molto peggiorata. 

Chiediamo un intervento immediato. Sollecitiamo e insistiamo sull’assoluta urgenza.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.