ASCOLI PICENO – Si è svolta nella mattinata di oggi 9 agosto la presentazione di “Ascoliva. Festival mondiale dell’oliva ascolana del Piceno Dop”, appuntamento diventato centrale nell’estate ascolana e giunto all’ottava edizione.  Si partirà il 14 agosto in piazza Arringo fino al 23 agosto, con gli stand aperti dalle 11 alle 14.30 e dalle 18 fino alle 23.30. (Qui tutte le info Link)

“Ringrazio il sindaco, è stato uno dei motori – afferma Massimo Di Ferdinando, uno degli organizzatori – Noi siamo un gruppo, ognuno dà il suo. Il sindaco, insieme all’assessore Vallesi, è stato tra le persone che ha voluto maggiormente questa manifestazione. Siamo all’ottava edizione, lo scorso anno non si è potuta svolgere, ringrazio i nuovi partner in particolare la Regione Marche e Bim Tronto, stiamo andando nel verso giusto: il nostro obiettivo è crescere ogni anno. Non ci aspettavamo di ripartire con questo entusiasmo, speriamo vada tutto bene in questi 10 giorni, noi abbiamo dato il massimo. Ringrazio le aziende che allestiranno gli stand, senza di loro non si sarebbe potuta fare questa manifestazione; sono i produttori stessi ad essere in prima linea. Grazie a loro possiamo garantire la massima qualità, non ci sono prodotti industriali. Anche quest’anno avremo tutto materiale biodegradabile e tutto l’evento rispetterà le norma anti-covid. Ci sarà anche quest’anno la gara delle massaie, vogliamo coinvolgere oltre ai turisti anche gli ascolani”.

“Arrivare all’ottava edizione con le proprie forze non è facile – dichiara il sindaco di Ascoli Marco Fioravanti – Mostra amore per la città e per il territorio, grazie a tutti i partner e Bim Tronto in particolare. L’oliva ascolana è nei menù di tutto il mondo, ha un’enorme potenza di marketing. Un ringraziamento particolare va alla Regione Marche per l’impegno importante che ci ha messo. Quest’anno Ascoliva fa un salto di qualità può diventare da una parte educazione per i giovani, dall’altra parte la città delle olive può attrarre persone a vivere qui per la qualità della vita. Stiamo incentivando la coltivazione dell’oliva tenera ascolana perché ce n’è bisogno. L’oliva ascolana non può essere delocalizzata, crea un modello virtuoso con risvolti economici e lavorativi. Il comune ha voluto essere presente perché crede nel progetto Ascoliva, un massimo esempio di sviluppo territoriale. Dal 2013 al 2019 ci sono state più di 400mila presenze, un numero importante con prospettive di crescita; stiamo cercando, insieme all’assessore Stallone, di coinvolgere tutte le attività del centro. Cerchiamo un rapporto orizzontale con tutti gli attori economici”.

“Rappresento la Regione Marche e l’assessore Marconi – le parole di Andrea Maria Antonini, consigliere regionale – Secondo me questo non è una semplice manifestazione enogastronomica o turistico ma un festival culturale: rappresenta un territorio attraverso la storia di un prodotto ed il suo tessuto economico e sociale. Sappiamo come l’oliva ascolana abbia creato uno spazio ed un brand tra i più importanti della regione Marche, tutti la conoscono. Può essere un prodotto che può rappresentare l’intera regione. La Regione per la prima volta oltre ai finanziamenti sarà presente con il PSR (Piano di Sviluppo Rurale), uno spazio in cui vengono create risorse speciali per la valorizzazione del territorio: c’è stato un cambio di passo”.

“Voglio fare i complimenti agli organizzatori per aver creduto in questo progetto – chiosa Monia Vallesi, assessore comunale agli eventi – Un progetto che caratterizza il territorio. Senza Regione Marche e Bim Tronto non avremmo avuto questa organizzazione. Ringrazio inoltre il sindaco, non è semplice in questo periodo organizzare un evento così. Invito tutta la cittadinanza ad essere presente”.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.