ASCOLI PICENO- Il Presidente Carlo Neri, a poco più di ventiquattr’ore dalla sfida con l’Udinese, ha parlato del momento attuale in casa Ascoli con un riferimento chiaro alla mentalità della squadra, vista in occasione della sfida amichevole col Napoli:

Contro il Napoli abbiamo dimostrato d’essere una squadra rodata, quando sei in svantaggio contro uno dei top club, ma hai la mentalità di rimettere subito la palla al centro per recuperare, denota grinta e personalità, caratteristiche che fanno parte del nostro gruppo, un misto di esperienza e gioventù. Un esempio su tutti l’esperienza di Botteghin, che ha condiviso il progetto Ascoli con grande entusiasmo, e la gioventù di Caligara, uno dei prospetti più interessanti del panorama calcistico italiano.

Del ritorno di Caligara va dato merito a Patron Pulcinelli, che investe denaro ed energie nell’Ascoli. Anche quest’anno il Patron ha tracciato il solco della stagione, una stagione in cui l’Ascoli punti ad essere protagonista attraverso il lavoro, tanto lavoro, e l’umiltà. Quest’anno il primo grande acquisto è stata la conferma di Mister Sottil, affiancato da un DS di esperienza e capacità”.

Il Presidente affronta anche il tema della riapertura parziale degli impianti:
“Il ritorno dei tifosi allo stadio per l’Ascoli rappresenta da una parte un surplus di 4-5 punti in classifica – l’ho sempre sostenuto – dall’altra un ritorno alla normalità, che, comunque, deve avvenire sempre nel rispetto delle regole. L’entusiasmo che hanno dato la vittoria degli Europei e i grandi risultati ottenuti alle Olimpiadi hanno infuso un segnale fortissimo di fiducia, che si ripercuoterà inevitabilmente sull’economia. La fiducia è uno degli indici più importanti per la ripartenza economica. Il campionato di Serie B è il campionato delle città, delle realtà locali e del territorio – lo ha ribadito ancora una volta il Presidente Balata su Sportbusiness – e Ascoli rappresenta in tutto e per tutto una città che è una cosa unica col territorio che rappresenta. Come diceva sempre Costantino Rozzi, l’Ascoli è la regina delle Marche; qui i bambini non tifano Inter, Milan, Juventus, non sognano di esordire a San Siro. Qui i bambini vanno a dormire con indosso la maglia bianconera, tifano solo Ascoli e sognano di esordire un giorno al Del Duca. Ecco, questa è Ascoli”.

Sulla sfida di Coppa Italia con l’Udinese, il Presidente Neri sostiene:
“L’Udinese è una delle realtà più fulgide del panorama calcistico nazionale; l’affronteremo con la mentalità che ci appartiene, con quello spirito che ci porta a giocare per vincere tutte le partite. Sappiamo chiaramente che non succederà, ma questa è e deve essere la nostra mentalità. Sul format della Coppa Italia auspico una riforma che ponga attenzione sui club di categoria inferiore. Mi spiego meglio: bisognerebbe giocare in casa delle squadre provenienti dal campionato cadetto e non viceversa, perché questo da un lato garantirebbe maggiore equilibrio e, di conseguenza, maggiore incertezza del torneo in favore dello spettacolo, dall’altro lato favorirebbe l’afflusso di un gran numero di tifosi allo stadio, richiamati dal prestigio di vedere la propria squadra confrontarsi con quelle di massima serie”.

 

Sono 22 i bianconeri convocati da Mister Sottil per la partita Udinese-Ascoli, valida per i trentaduesimi di finale di Coppa Italia, in programma domani alle 20:45 alla “Dacia Arena” di Udine. Indisponibili Caligara, Donis, Ghazoini, Sabiri e Spendlhofer. Rientra Saric, assente nelle due amichevoli precampionato con Viterbese e Napoli.

 

PORTIERI: 13 Guarna, 1 Leali, 22 Raffaelli

DIFENSORI: 24 Avlonitis, 6 Baschirotto, 33 Botteghin, 3 D’Orazio, 15 Quaranta, 2 Salvi, 4 Tavcar

CENTROCAMPISTI: 77 Buchel, 8 Castorani, 18 Collocolo, 27 Eramo, 36 Franzolini, 88 Lico, 30 Saric

ATTACCANTI: 26 Bidaoui, 45 D’Agostino, 9 Dionisi, 31 Fabbrini, 91 Ventola


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.