ASCOLI PICENO – E’ pronto all’esordio ufficiale stagionale l’Ascoli Calcio nella trasferta di Udine, in programma domani 13 agosto alle 20.45, in cui affronterà i padroni di casa per il passaggio del turno di Coppa Italia.

“Abbiamo fatto una buona settimana di allenamenti – le parole di mister Sottil alla vigilia – nonostante il grande caldo, però ho visto la squadra vogliosa di migliorarsi. Siamo partiti dall’amichevole contro il Napoli dove abbiamo fatto buone cose e altre un po’ meno, abbiamo cercato di impostare la settimana in maniera diversa; stiamo ancora caricando per finire la preparazione però abbiamo inserito il lavoro standard per l’analisi della partita. Ho visto grande predisposizione e un grande miglioramento da parte di tutti e soprattutto dei nuovi che sono giocatori di grande esperienza, non è stato difficile l’inserimento. C’è qualche giocatore indisponibile per qualche acciacco ma è stata una buona settimana”.

“Noi andiamo sempre in campo per vincere con grandissimo rispetto per gli avversari – prosegue il tecnico dell’Ascoli – Dobbiamo forgiare la nostra identità che è fatta di lavoro, di concentrazione, di fame e di entusiasmo, di grande compattezza e coesione del gruppo. Il centro del progetto è il noi e non l’io, dobbiamo scendere in campo cento minuti pensando di vincere, sempre con rispetto verso l’Udinese che gioca in una categoria superiore ed è una grandissima società con una grande storia. Noi dobbiamo andare avanti con il lavoro non solo tattico ma anche mentale. Botteghin? Sta crescendo, parliamo di un ragazzo di un metro e 94 con una struttura muscolare importante, però si è presentato bene da grande professionista qual è, parla la sua carriera; Salvi è arrivato pure in ottime condizioni, sta molto bene. Con Caligara ci siamo sentititi spesso, lui aveva questo desiderio di tornare definitivamente all’Ascoli, per me è motivo di orgoglio; con la società stiamo costruendo qualcosa di importante. Viene da una forte tonsillite e non sarà della partita”.

“Oltre a Caligara c’è anche Sabiri che non si sta allenando con continuità per un fastidio al ginocchio –continua Sottil – Ha un fastidio a un tendine. Saric? E’ completamente recuperato, ha smaltito i dolori e sarà tra i convocati. Sono stato 4 anni bellissimi a Udine, abbiamo conquistato tante belle cose in annate indimenticabili; è una piazza molto serena con una qualità di vita alta, c’è una società che ti permette di lavorare con professionalità sia dentro che fuori dal campo. Sarà emozionante tornare in quello stadio, anche se è stato rifatto ed adesso è più bello, in una sfida ufficiale di Coppa Italia in cui c’è in palio il passaggio del turno”


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.