CASTEL DI LAMA – Di seguito un comunicato stampa del Comitato anti inquinamento Villa Sant’Antonio di Castel di Lama, che denuncia l’oramai insostenibile situazione del mancato funzionamento del depuratore, che genera inevitabilmente cattivi odori.

Oggi pomeriggio è partita la mail bombing dei residenti verso gli indirizzi di posta del Sindaco di Ascoli, del Presidente della Provincia, della Procura e di testate giornalistiche. Pretendiamo che partano i lavori per risanare il depuratore. Da tempo è noto con esattezza quali siano i lavori da fare ma l’assurdo è che nessuno si muove, nessuno profferisce parola, i lavori non si fanno mentre noi soffochiamo nell’indifferenza degli enti preposti.

Questo il testo inviato da ciascuno dei residenti che ha aderito:
Noi di Villa Sant’Antonio e Castel di Lama davvero non ne possiamo più. Siamo molto al di là di ogni umana sopportazione. Da anni, soprattutto d’estate, ogni giorno la puzza del depuratore ci impedisce di dormire, ci provoca bruciori agli occhi e alla gola, è un incubo senza fine che, oltre a minare la salute fisica, incide pesantemente sul nostro equilibrio perché perdiamo sonno e accumuliamo stress. Per noi la notte non significa riposo, ma veglia forzata tra malesseri e odori nauseabondi e l’estate non è la stagione del sole e del divertimento ma il tempo delle puzze. Non si può vivere così, se si può chiamare vita questa.

Il problema è noto da tempo, come anche il rimedio alla puzza del depuratore è noto da tempo. Ma tra giochetti e rimpalli, indifferenza, noncuranza e responsabilità disattese siamo ancora qua, a soffocare per la puzza.

Noi abbiamo diritto a una vita sana e decorosa e pretendiamo che chi deve operare per il risanamento del depuratore agisca senza più lungaggini inaccettabili e colpevoli.
Non siamo più disposti ad aspettare.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.