ASCOLI PICENO – L’Ascoli Calcio 1898 ha comunicato il ritorno in bianconero del difensore Gian Filippo Felicioli, marchigiano di Fiuminata che ha vestito la maglia del Picchio nella stagione 2016/17.

Nato a San Severino Marche il 30 settembre 1997, Felicioli arriva dal Venezia a titolo temporaneo con diritto di riscatto.

Cresciuto nel settore giovanile del Milan fino all’esordio in prima squadra a 17 anni contro il Napoli al San Paolo, ha disputato il suo primo vero campionato professionistico con la maglia dell’Ascoli, con cui si mise in evidenza nelle 22 presenze collezionate. L’anno successivo l’approdo in Serie A nelle file dell’Hellas Verona, a seguire le esperienze in B con Perugia e Venezia, club quest’ultimo con cui lo scorso anno ha conquistato la promozione in Serie A.

“Vorrei dare il mio contributo a una squadra che è già forte e che gioca un ottimo calcio – le dichiarazioni di Felicioli – sono l’ultimo arrivato ed entro in punta di piedi, cercherò di dare il mio apporto quando sarò chiamato in causa. La trattativa è stata abbastanza veloce, il mio desiderio è sempre stato quello di tornare, quindi, quando il mio agente mi ha detto dell’interessamento dell’Ascoli non ci ho pensato un attimo. Il Direttore Lupo è stato fondamentale, è lui che un paio di anni fa mi aveva portato a Venezia facendomi sentire la sua fiducia. Anche se qui ho giocato solo un anno, sento d’essere come a casa mia. Ho ricordi bellissimi della prima esperienza in bianconero, era la prima volta fra i professionisti, avevamo un gruppo straordinario ed è stato l’anno che mi ha formato di più facendomi diventare quello che sono adesso, diciamo che oggi si chiude un po’ il cerchio. Lontano da Ascoli ho trascorso anni fra alti e bassi per qualche problema fisico e di altro tipo. Lo scorso anno a Venezia siamo stati autori di una cavalcata importante che in Laguna mancava da venti anni, diciamo che la stagione scorsa è stata per me quella della rivincita. Della squadra conosco Buchel, con cui ho condiviso l’esperienza a Verona, Leali, con cui ho giocato a Perugia, e Danilo Quaranta, con cui ho fatto il ritiro estivo con l’Ascoli, ma poi lui andò in prestito in un’altra squadra. Numero di maglia? La 14 non era libera così ho optato per la 5“.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.