OFFIDA – Di seguito una nota, giunta in redazione nei giorni scorsi, dal Lac Ascoli.

I volontari e guardie zoofile della Lac sono intervenuti per mettere in salvo una cinquantina di piccioni che, durante dei lavori di manutenzione del sottotetto di un condominio, stavano per essere murati vivi. Questa infatti era la soluzione più sbrigativa, seguita dall’idea di avvelenarli, che stava per essere adottata. Sigillate le aperture nei coppi infatti, i poveri piccioni, già spaventati dai lavori, non riuscivano in alcun modo a trovare la via di fuga dall’unica finestra che stava per essere definitivamente chiusa, ed il locale era pressoché impraticabile.

Fortunatamente siamo arrivati in tempo, e nonostante numerosi ostacoli e difficoltà operative, siamo riusciti, in diversi pomeriggi di lavoro, catturando gli animali quasi uno ad uno, a liberare tutti gli adulti e a mettere urgentemente in sicurezza i pulli, rinvenuti ormai allo stremo. Tutti erano destinati altrimenti a morte certa. 

Abbiamo provveduto a contattare il Cras Ascoli Piceno-Fermo che ringraziamo per i consigli e le informazioni utili al salvataggio e al soccorso, in particolare dei pulli, che verranno liberati appena saranno atti al volo. 

Come sempre siamo intervenuti a nostre spese, a titolo gratuito, e soprattutto per tutelare gli animali, come la legge da anni impone. 

Speriamo che il nostro intervento serva da esempio per convincere a non scegliere sempre le soluzioni più sbrigative, spesso illegali, che comportano immancabilmente inutili uccisioni e maltrattamenti. 


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.