ASCOLI PICENO – Dopo la sconfitta contro il Benevento l’Ascoli Calcio è pronto a tornare in campo domani 21 settembre contro l’Alessandria in trasferta. Mister Andrea Sottil fa il punto della situazione in casa bianconera.

“Ci siamo confrontati con i ragazzi ed abbiamo archiviato la sconfitta e le tre vittorie – afferma Sottil – Le sconfitte vanno analizzate con serenità per capire perché è venuta e trarne sempre qualcosa di positivo. Ci siamo allenati bene sia ieri che oggi, la squadra sta bene anche se c’è qualche defezione; vedo una squadra che ha recepito ed ha saputo subito svoltare. Saric ha preso una botta alla caviglia e non sarà della partita; io ragiono di partita in partita anche giocando ogni tre giorni, la rosa sta tutta bene e vedo giocatori pronti che scalpitano. Turnover? Sono abituato a calcolarlo bene, una continuità e un’identità forte sono per me la strada giusta; ho la fortuna di avere tanti giocatori da mettere in campo, dopo l’allenamento di domani valuterò chi far partire dall’inizio della gara”.

“Conosco molto bene l’ambiente di Alessandria – prosegue l’allenatore dell’Ascoli –  sono stato lì nel mio ultimo anno da giocatore, è una piazza molto calda ed attaccata ai propri colori; conosco molto bene l’allenatore, è molto bravo, sono una squadra molto organizzata. Vengono da quattro sconfitte, ci attenderà un ambiente molto teso e determinato, anche noi veniamo da una sconfitta e dovremo andare con il coltello tra i denti. Questo campionato ci insegna che non si può mai abbassare la guardia, neanche per un minuto perché altrimenti vieni castigato. La squadra è intelligente e matura e sa dove vuole andare, stiamo facendo un percorso ed abbiamo l’obbligo di non commettere gli stessi errori”.

Sono 24 i convocati: Guarna, Leali, Raffaelli; Avlonitis, Baschirotto, Botteghin, D’Orazio, Felicioli, Quaranta, Spendlhofer, Tavcar; Buchel, Caligara, Castorani, Collocolo, Donis, Eramo, Maistro;  Bidaoui, De Paoli, Dionisi, Fabbrini, Iliev, Petrelli


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.