ASCOLI PICENO – Torna l’appuntamento con le Giornate Europee del Patrimonio, la più estesa e partecipata manifestazione culturale d’Europa. Per l’occasione il Museo Archeologico Statale di Ascoli Piceno ha organizzato un evento in collaborazione con l’Istituto Centrale per il Restauro di Roma e l’Università Politecnica delle Marche.

Una tomba picena da Colle Vaccaro, località nel Comune di Colli del Tronto, rivela i suoi segreti custoditi, per ben 15 anni, in un pane di terra. Per ragioni conservative, accade talvolta che lo scavo di una sepoltura non venga effettuato direttamente sul luogo di rinvenimento ma che la tomba venga asportata tagliando la zolla (il pane di terra, appunto) che la contiene, per essere successivamente scavata in laboratorio. Questo è ciò che sta accadendo presso il Museo Archeologico Statale di Ascoli Piceno dove un cantiere didattico dell’Istituto Centrale per il Restauro di Roma si sta occupando del microscavo e del restauro della tomba 27. Un’occasione quasi unica che il museo vuole condividere con il suo pubblico invitandolo a visitare il cantiere di restauro.

Appuntamento sabato 25 settembre alle ore 10 con le scolaresche e domenica 26 settembre alla stessa ora per tutto il pubblico.

Sabato sera il museo resterà aperto fino alle ore 22,30 con il biglietto d’ingresso al coso simbolico di un euro. Alle ore 21 è prevista una conferenza di presentazione dei risultati preliminari dei lavori a cui parteciperanno Sofia Cingolani, direttrice del museo, Antonella Di Giovanni, funzionario restauratore dell’Icr, e Ramona Quattrini del gruppo di ricerca DiStoRi Heritage dell’UnivPM.

Per partecipare è necessario prenotare al numero +393892661227 o all’indirizzo museoarcheologicoascolipiceno@beniculturali.it.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.