ASCOLI PICENO – Torna alla vittoria l’Ascoli che supera 3-1 l’Alessandria in trasferta grazie alle reti di Dionisi al 11′, Botteghin al 38′ e Collocolo al 58′; di Palombi al 68′ la rete dei piemontesi.

“Volevamo fortemente un risultato positivo ed una prestazione all’altezza – le dichiarazioni di mister Andrea Sottil – Prestazione che analizzando la sconfitta con il Benevento non c’era stata; quando siamo compatti, corti e concentrati, soprattutto nella fase difendente, e quando sappiamo attaccare bene riprendendo palla siamo una squadra molto pericolosa. Abbiamo fatto bene oggi anche se l’Alessandria ci ha messo in difficoltà: hanno qualità, gamba e forza, ma noi abbiamo ribattuto azione su azione. Abbiamo meritato di vincere, questo dice il campo, potevamo fare anche altri gol in maniera molto facile; lì dobbiamo migliorare, abbiamo sofferto troppo. Bisogna avere la personalità di continuare a giocare la palla, senza essere superficiali, faccio i complimenti ai ragazzi perché non era facile venire a vincere qui. L’Alessandria veniva da un trend negativo però è sempre uno stadio tosto con una squadra organizzata e ben allenata, penso sia una bella vittoria. Abbiamo subito qualche cross ma secondo me abbiamo difeso bene, siamo stati distratti sul calcio d’angolo del loro gol ma sono soddisfatto della mia linea difensiva; qualche meccanismo di scalata dobbiamo farlo meglio ma sono contento”.

“L’Ascoli deve saper fare tutto: giocare di rimessa e contropiede come costruire da dietro – continua l’allenatore dell’Ascoli –  per caratteristiche abbiamo una squadra di grande motricità e grande passo, soprattutto quando ripartiamo con Bidaoui che insieme a Fabbrini ha spaccato la partita. Dovevamo essere più precisi, anche De Paoli è entrato bene, abbiamo 8/9 uomini che sanno attaccare bene con tanta gamba, abbiamo capacità di ribaltare. Ho visto Iliev e Caligara stanchi, tra l’altro anche ammonito; abbiamo quattro stopper forti, Botteghin sta crescendo, è un giocatore di forte personalità e carisma, oltre che grande esperienza: puoi fare almeno 4 o 5 gol. Avlonitis è un giocatore di grandissima affidabilità. Il lavoro quotidiano è finalizzato a saper leggere le tante situazioni, nel calcio la partita non è mai uguale ma ha tante sfaccettature, dobbiamo essere bravi ad interpretarli“.

“Per me questo gol rappresenta tanto, anche per la mia famiglia – afferma Michele Collocolo, alla prima rete in Serie B – Vendo dalla Serie D e per me è un traguardo importante essere qui, oltre a segnare non potevo chiedere altro. E’ stata una delle prestazioni più importanti della mia carriera, giocare in Serie B è un altro livello. Il gol? Ho visto che mi è arrivata la palla in area ed ho provato a fare un tocco in più, gli avversari hanno paura nel mettere la gamba visto il Var, l’ho messa dentro ed è arrivato il gol. Abbiamo preparato la partita nel migliore dei modi nonostante i pochi giorni a disposizione, appena avevamo palla dovevamo subito attaccare per fare gol. Dobbiamo ragionare partita per partita senza pensare alla classifica, pensiamo già al Brescia archiviando la vittoria di oggi. Una dedica per il gol? Alla mia famiglia e alla mia fidanzata che mi supportano e mi sopportano”.

“Anche se ci hanno segnato e attaccavano spesso non avevamo paura di prendere gol – il pensiero di Federico Baschirotto – Mi sentivo sicuro, con la difesa mi trovo bene. Con i compagni di reparto ci capiamo al volo, anche se a volte la comunicazione è in inglese, sappiamo quando chiamarci. Sapevamo che loro avrebbero cercato di sfondare sulle fasce ma noi abbiamo retto molto bene. E’ un Ascoli formato per vincere partita dopo partita, guardiamo sempre alla prossima gara senza se sia in casa o trasferta; in casa dovremo dare il meglio di noi ovviamente. Stiamo lavorando bene, c’è amalgama nel gruppo: significa che stiamo lavorando bene. Personalmente penso che io debba migliorare sotto tutti i punti di vista, non si è mai arrivati al massimo, si può sempre migliorare”.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.