ASCOLI PICENO –  “Sbirri dentro le foibe. W le foibe”. E’ la scritta fatta con la vernice rossa, corredata da falce e martello, la sigla Br con stella nel cerchio, apparsa sul muro di un cantiere nel centro storico di Ascoli Piceno nei giorni scorsi.

“Ancora scritte vandaliche da parte di imbecilli. A prescindere dal contenuto del testo (che è estremamente vergognoso), chi deturpa è solo un ignorante che non vuole bene alla propria città – il commento del sindaco Marco Fioravanti sui Social – Cancelleremo subito la scritta, così come stiamo facendo fin dal nostro insediamento in amministrazione con l’aiuto di volontari e associazioni antidegrado. Visioneremo le telecamere della zona e, insieme alle forze dell’ordine, faremo il possibile per individuare e punire il responsabile (o i responsabili). Noi non ci scoraggiamo, Ascoli è migliore di chi rovina l’immagine della propria città”.

L’accaduto è stato condannato anche dal Movimento Sindacale Autonomo di Polizia.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.