ASCOLI PICENO – Dopo il pareggio casalingo contro il Lecce, l’Ascoli Calcio è pronto a sfidare il Frosinone domani 23 ottobre allo “Stirpe”. L’allenatore del club bianconero Andrea Sottil presenta il match.

“La settimana è iniziata all’insegna del confronto, come sempre – le parole del tecnico – Abbiamo analizzato la partita con il Lecce dove secondo me la squadra ha fatto un’ottima prestazione; abbiamo ovviamente discusso sulle cose che potevamo fare meglio e le cose che abbiamo fatto molto bene, dobbiamo cercare di migliorare in entrambi le fasi di gioco. E’ stata una settimana all’insegna della concentrazione e dell’applicazione da parte di tutto il gruppo, ci siamo preparati bene a questa gara. Al di là delle statistiche, le guardo poco, quello che mi interessa è migliorare la mia squadra concentrandosi su quello che siamo noi, rispettando ovviamente un avversario come il Frosinone che per blasone e caratura di squadra lotta per andare a vincere il campionato. E’ stato in Serie A, troveremo un ambiente carico con una squadra piena di ottimi calciatori; quello che però a me interessa è come noi andremo ad affrontare la partita, dovremo farlo a viso aperto e con grande personalità. Dovremo avere la fame e l’umiltà che ci ha sempre contraddistinto da quando sono arrivato, non dovranno mancare agonismo e concentrazione continua; la squadra ha dimostrato di potersela giocare con tutti, dovremo giocare con serenità e velocità”.

Saric purtroppo si sta portando dietro un problema alla caviglia – continua Sottil – Si allena con molto fastidio ed abbiamo deciso di fermarlo per fargli fare degli allenamenti specifici, preoccupa perché ha dolore, comunque sta meglio e mi auguro possa tornare contro la Spal. Quello di Felicioli è un infortunio meno grave di quello che ci aspettavamo, queste prime settimane dovrà fare solo fisioterapia e cure strumentali, bisognerà aspettare il processo di cicatrizzazione della ferita muscolare per poi iniziare il recupero. In mezzo al campo torna Buchel, un giocatore molto importante per noi, interpreta quel ruolo con le caratteristiche migliori nelle due fasi. Davanti siamo al completo, bene così: tutti devono sentirsi coinvolti nel progetto perché hanno la mia totale stima, la nostra è stata e deve essere sempre questa. Tutti devono essere consapevoli che chi entra con l’atteggiamento giusto può cambiare la partita, tanti di questi ragazzi me lo hanno dimostrato. Sono contento quando ho tutti a disposizione, posso scegliere come costruire la partita come voglio sfruttando le caratteristiche dei miei giocatori. I nostri tifosi sono fantastici, sono molto attaccati a questa maglia ed a questi colori; per noi è fondamentale scendere in campo già dal riscaldamento e sentire subito la loro presenza. E’ bella quest’alchimia che si è ritrovata, mi riempie di orgoglio, l’Ascoli è una società che ha una grande storia ed i nostri tifosi per noi sono importanti”.

Sono 25 i convocati: Bolletta, Guarna, Leali; Avlonitis, Baschirotto, Botteghin, D’Orazio, Quaranta, Salvi, Tavcar; Buchel, Caligara, Collocolo, Donis, Eramo, Franzolini, Maistro, Sabiri; Barone, Bidaoui, De Paoli, Dionisi, Fabbrini, Iliev, Petrelli.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.