OSIMO – Riportiamo e pubblichiamo un comunicato stampa, giunto in redazione il 25 ottobre, dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Ancona.

Nella serata di ieri 24 ottobre, i Carabinieri della Compagnia di Osimo hanno arrestato un cittadino tunisino 20enne, dimorante nella provincia di Ascoli Piceno, poiché trovato in possesso di circa 61 grammi di sostanza stupefacente destinata allo spaccio, e 450 euro.

Una pattuglia dell’Aliquota Operativa e Radiomobile della Compagnia di Osimo, transitando sulla Statale 16, in località Grotte di Loreto, veniva insospettita da due uomini a bordo di una Fiat Panda, di ritorno presumibilmente da Porto Recanati. Appena segnalato l’alt dagli operanti, gli occupanti del veicolo iniziavano ad evidenziare agitazione e preoccupazione, tanto da indurre i carabinieri ad effettuare un controllo del veicolo e la perquisizione personale. All’interno di una tasca del giubbotto del 20enne, che accennava ad un tentativo di fuga, venivano rinvenuti 10 ovuli contenenti complessivamente circa 61 grammi di eroina, nonché la somma in contranti di euro 450 quale provento di spaccio.

La droga ed il denaro ritrovati sono stati sequestrati ed il giovane dichiarato in arresto per la detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Nella mattinata odierna, l’Autorità Giudiziaria ha disposto l’udienza di convalida e giudizio direttissimo.

L’arresto di cui si è fatto cenno, scaturisce da servizi di controllo del territorio ed antidroga, pianificati e svolti dall’Arma sulla base di una costante analisi della relativa situazione della criminalità in tutta la provincia, che ha già permesso negli ultimi mesi l’arresto di diversi spacciatori, nonché il sequestro di diversi chili di sostanza stupefacente.

Nella mattinata odierna, il Tribunale di Ancona ha convalidato l’arresto e disposto nei confronti dell’imputato la misura cautelare degli arresti domiciliari.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.