ASCOLI PICENO- Altra vittoria messa in cassaforte per Giovanni Falci che ha trionfato ad Ascoli, dove si correva la terza tappa del Campionato Italiano Virtuale della Montagna, serie organizzata dai ragazzi di Modders Squadra Corse.
Falci a bordo della sua Dallara GP2 ha preceduto un Antonello Bruno su Norma M20 FC che ha messo tutto se stesso per contrastare Giovanni Falci, ma quest’ultimo ha dato quella zampata che gli ha consentito di salire sul gradino più alto del podio. Terzo assoluto Manolo Polonioli anche lui su Norma M20 FC.
Falci oltre alla vittoria assoluta ha ovviamente vinto il gruppo E2SS precedendo Luca Sciortino su Osella FA30, quarto nella classifica assoluta. In gruppo E2SC, vittoria per Antonello Bruno che ha preceduto Manolo Polonioli e Salvatore Tuttolomondo, vincitore nella classe 1.6 a bordo della Radical SR4. Tuttolomondo inoltre ha agguantato un’ottima quinta posizione nella classifica assoluta.
In gruppo CN vittoria per Renato Sambataro a bordo della GISA di classe 3000. In gruppo E2SH vittoria di Massimiliano Angius a bordo della sua Alfa Romeo 155 di classe +3000 e ha preceduto Antonio Palermo BMW M3 E30 e Antonio Matraxia su BMW 320. In classe 1000, vittoria per Maurizio Fallico su Fiat 126 Proto. In gruppo E1, torna a vincere Andrea Sorlini sulla sua Lancia Delta S4 di classe +3000 precedendo Maurizio Cangiano su Alfa Romeo 155 GTA e Davide Pisano su Golf MK1 che ha vinto la classe 2000, dimostrando anche in questa occasione un ottimo ritmo.
In classe 2000 oltre alla vittoria di Davide Pisano, ottima la gara di Stefano Bianca che si è piazzato secondo su BMW 320 STW. Terza posizione per il Siculo Salvatore Miccichè, anche lui su BMW 320 STW.
In classe 1600 T, vittoria in solitaria per Leonardo Di Bari su Fiat Uno Turbo. In classe 1600, vittoria sudata per Donato Pinto su VW Golf che ha respinto gli attacchi di Alessio Bruno su Peugeot 106, terzo Francesco Pipoli su Peugeot 106. In E1 1150, continua la marcia di Michele Petrolo che ha vinto anche ad Ascoli sulla sua A112 e ha preceduto Claudio Barbagallo su auto gemella e Francesco Semeraro su Fiat 127.
Nel gruppo A, vittoria per Liborio Chiapparo su Mitsubishi Lancer Evo di classe +3000 precedendo Gaetano Lombardo su auto gemella e Armando Luongo su Peugeot 106 che ha vinto la classe 1600.
In classe 2000 vittoria per Ivan Berardi su Peugeot 205 GTI.
In classe 1600 ha trionfato come già sottolineato Armando Luongo su Peugeot 106, che ha preceduto un ottimo Claudio Pasculli su Citroen Saxo e con i due che si sono spartiti le due salite di gara con l’1a1 al termine della gara, ma con Luongo vincitore per un solo decimo e con Leo Cucca terzo di classe staccato di un secondo a bordo della sua Honda Civic EG6. Nella classe riservata alle 1300, vittoria per Giuseppe Oliva su Peugeot 205 che ha preceduto Ayrton Molinaro su Peugeot 106 che aveva vinto gara 1 e Vito Fortunato su Peugeot 205 che ha agguantato il podio di classe.
Nelle Bicilindriche vittoria per Luigi Cappuccio che ha portato la sua Fiat 126 sul gradino più alto del podio, precedendo Orazio Alessandro Prastani sulla 695. Passiamo allo Starter Pack MSC, dove in N 2000 Samuele Perez ha dato la scossa che gli serviva per passare in testa al campionato e ha trionfato davanti al veloce Alessandro Mazzonelli che ha cercato di tenere il ritmo di Perez, terzo di classe Diego Domenighini con tutti e tre i piloti su Renault Clio Williams.
In Racing Start Turbo, vittoria tra le 1600 per il Calabrese Luigi Gravino che ha portato la sua Renault Clio in vetta precedendo Graziano Fanelli e Giovanni Galati su auto gemella. In classe 1400, vittoria per il Siculo Andrea Barbaccia che ha portato la sua 595 SS turbo al trionfo davanti a Valerio D’Arcangelo e Mario Pollina, entrambi su Alfa Romeo Mito QV.
Tra le aspirate in RS 2000, vittoria per il giovane Thierry Graziosi che ha disputato una gara 2 in versione “hammer time” e ha recuperato lo svantaggio della prima salita, vincendo per un decimo nella classifica finale sul vincitore di gara 1 Leonardo Bartolini con entrambi i piloti su Honda Civic Type R, terzo Giampiero Barraco su Renault Clio RS. Da segnalare comunque, come anche questa classe sia combattuta insieme alle altre, proprio in RS 2000 con 16 partenti è bello sottolineare la sfida vivace tra i vari piloti, con i primi 10 racchiusi in cinque secondi dopo due salite di gara.
Nelle storiche, vittoria in A+2000 per Luca Gandini su Alfa Romeo 75. Ottima gara di Salvatore Vitaggio, che ha portato al trionfo la sua Fiat X1/9 di SIL 1600 davanti a Marco Cassata e Marcello Gabrielli su auto gemella. Messa alle spalle la tappa Marchigiana, i ragazzi di MSC si ritroveranno tra qualche giorno al Trofeo Luigi Fagioli, quando il 9 e 10 Novembre si svolgerà la gara in terra Umbra per il quarto appuntamento della serie tricolore. Consuete e puntuali saranno le dirette sui social di Modders Squadra Corse che cercheranno di offrirvi la solita qualità nell’ambito virtuale. A raccontarvi come sempre gli avvenimenti post gara sarà “Cronoscalate Che Passione”

Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.