ROMA – Di seguito una nota diffusa dall’Ansa.

L’estensione della terza dose del vaccino per combattere la quarta ondata del Covid, in arrivo anche in Italia.

Il Governo lavora per fronteggiare una nuova fase dell’emergenza in vista del Natale e per il 2022 ha già opzionato dosi tali per effettuarle potenzialmente “a tutti quelli che hanno completato qualsiasi tipo di ciclo vaccinale, quindi anche ad alte cifre”, spiega il Commissario Francesco Figliuolo.

Un nuovo impulso alla campagna, dunque, che porterà presto ad un rialzo delle somministrazioni: “Il picco di inoculazioni lo avremo tra dicembre e febbraio, quando – aggiunge il Generale – pur non raggiungendo il mezzo milione di iniezioni al giorno si arriverà la cifra quotidiana di 350mila”.

Nella conferenza stampa voluta da Palazzo Chigi, a cui ha partecipato anche Roberto Speranza, è proprio il ministro a chiarire che “dalla prossima settimana si lavorerà per allargare il ‘booster’ anche ad ulteriori fasce generazionali (finora è per fragili, sanitari e over 60) mentre il coordinatore dl Cts, Franco Locatelli, lancia un avvertimento per scongiurare anche in Italia, parafrasando il ministro tedesco, una “pandemia dei non vaccinati”.

E nuove “armi” contro il virus sono pronte ad esser spianate anche nel nostro Paese. L’Aifa si è già attivata per acquisire una quantità adeguata del farmaco antivirale orale (il Molnupiravir, già autorizzato in Gran Bretagna).


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.