ASCOLI PIECNO – Con il campionato fermo per la sosta per far giocare le nazionali, l’Ascoli Calcio è tornato al lavoro al Picchio Village per preparare al meglio la seconda parte del girone di andata. A parlare in casa bianconera è Abdelhamid Sabiri.

“Sono rientrato bene in squadra – le parole del centrocampista – ho pagato una buona cena alla squadra ed ho parlato con il mister, adesso guardo avanti e basta. Per me adesso è molto importante giocare, ne ho giocato solo cinque di cui le ultime tre da titolare, fisicamente non sono ancora al 100% ma approfitterò della sosta per lavorare. In attacco abbiamo buoni giocatori con caratteristiche diverse, Fabbrini ha molta tecnica, Iliev è fisicamente forte, per noi è meglio così perché abbiamo tante opzioni in fase offensiva. La partita con il Pisa è stata quella della ripartenza dell’Ascoli, loro sono una squadra molto forte, erano i primi della classe; prima avevamo perso due partite ed è stato molto importante portare a casa dei punti“.

“Dobbiamo continuare così – continua Sabiri – giocare per vincere ogni partita deve essere il nostro obiettivo. Ho giocato in Bundesliga e Premier League, la Serie B è tutto un altro campionato, tutti sono molto vicini e non c’è una squadra molto più forte delle altre, c’è molto equilibrio e questo lo rende molto difficile. Noi siamo una squadra forte, con mister Sottil abbiamo trovato un’identità precisa, giochiamo con e senza la palla; pensiamo partita per partita, adesso pensiamo solo al Pordenone. Penso solo ad aiutare la squadra, fare gol e assist fa piacere ma sono concentrato per vincere le partite. Tutte le partite per noi sono uguali, le giochiamo tutte per vincere; anche con il Pordenone sarà una battaglia, lavoreremo in questi dieci giorni per prepararci a vincerla”.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.