AMANDOLA – È stato appena pubblicato dalla casa editrice sambenedettese Mauna Loa Edizioni il libro “La musica al di là del buio” di Alessandra Funari.

Il libro, in modo semplice e straordinario, indaga con sorprendente ottimismo il diverso mondo di chi non vede: l’autrice racconta le difficoltà del mondo arduo della disabilità, e, in particolare, le barriere causate dalla cecità, inimmaginabili per i normo vedenti. Ma in realtà, la malattia non è un ostacolo, bensì un modo per penetrare ancora più in profondità nell’altro e ascoltarlo. Un’autobiografia che intreccia amore e dolore e mette in luce il potere della musica, che è passione intensa ma, allo stesso tempo, può diventare strumento per guarire le ferite dell’anima. Un racconto dove, nonostante le sofferenze, brillano la conquista della felicità e la forza straordinaria di chi decide di emergere dalla tempesta improvvisa in cui si trova. Una storia esemplare, per imparare a non abbattersi nelle difficoltà ma farne, al contrario, un punto di forza.

L’autrice, originaria di Amandola, nel cuore dei Sibillini, è laureata in lettere con specializzazione in Filologia classica e Filologia moderna, ha conseguito con lode un Master in Didattica dell’Italiano e ha concluso due corsi di perfezionamento, uno in Didattica della Letteratura italiana, l’altro in Didattica della Storia. Allo stesso tempo, si è laureata in Flauto presso il Conservatorio “G. B. Pergolesi” di Fermo e attualmente è insegnante presso il Liceo classico – linguistico di Macerata.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.