I dati rilasciati da eToro relativi al terzo trimestre del 2021 hanno offerto per l’ennesima volta uno spaccato dell’ottimo stato di salute della creatura di Yoni Assia: secondo le statistiche, infatti, la presenza capillare a livello globale del broker online -attivo in più di cento paesi nel mondo- ha permesso il superamento della soglia dei 22 milioni di utenti registrati, con un incremento di oltre 25 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. L’aspetto più interessante dei risultati riguarda il fatto che 2,14 milioni di account capitalizzati, per un totale di masse amministrate superiore a 10 miliardi di dollari, sono stati raggiunti principalmente con le quote di mercato relative all’area Euro e UK: considerando che l’enorme bacino di utenza statunitense è ancora in fase di penetrazione, si può desumere che fra non molto i dati saranno nettamente migliori.

È sufficiente leggere le recensioni eToro presenti sul portale Tradingtop.it, per comprendere come il consenso raccolto tra gli investitori sia dovuto alla qualità dei servizi offerti e alle molteplici funzionalità a disposizione degli utenti. Intermediario finanziario market maker è autorizzato da diversi organi di vigilanzaCysec, FCA, ASIC– per erogare i propri servizi in più aree geografiche e per operare in Italia è in possesso di iscrizione sul registro Consob. La piattaforma proprietaria di eToro è disponibile, con caratteristiche sovrapponibili, sia in versione web sia su App dedicata per dispositivi mobili: il suo rilascio avviene attraverso la sottoscrizione di un conto trading che non prevede spese di apertura e mantenimento -è caricata una commissione di inattività dopo un certo periodo di mancato utilizzo-; inoltre senza effettuare il versamento iniziale si possono testare tutte le funzionalità in versione demo.

Etoro: le modalità di accesso al mercato

Il processo di registrazione su eToro è immediato, prevede infatti l’inserimento dei dati personali e l’invio della documentazione per la validazione dell’account. Una volta conclusa questa fase si può accedere con le proprie credenziali al cruscotto di investimento, il vero cuore pulsante del broker.

In quest’area un catalogo di strumenti finanziari estremamente vario consente la negoziazione, oltre alle coppie di valute sul foreign exchange market, di azioni, indici, materie prime, criptovalute ed etf. una particolarità del TOL risiede nella modalità operativa di questi asset: infatti è implementata sia la compravendita di Contratti per Differenza che replicano il prezzo del sottostante, sia l’accesso diretto al mercato –DMA– per specifici sottostanti; soluzioni ideali non solo per chi investe sul lungo periodo ma anche per chi specula sul breve termine.

Etoro: gli strumenti di supporto all’operatività

La mission di eToro è quella di mettere tutti i propri utenti nelle condizioni migliori per eseguire una strategia in completa autonomia, per questo persino i risparmiatori alle prime armi possono contare sulla Trading Academy online dell’intermediario, una sezione in cui è possibile consultare ogni genere di materiale formativo attraverso pratici video tutorial.

Inoltre gli investitori, sprovvisti di tempo per approfondire le conoscenze sui mercati finanziari o per seguire l’evoluzione del proprio portafoglio, possono contare su strumenti di supporto con cui reiterare passivamente l’operatività di terzi. Naturalmente la funzionalità più conosciuta dai risparmiatori è la piattaforma di social trading dell’intermediario.

Diversificare il portafoglio con il social trading di eToro

Il social trading di eToro è un network a tema finanziario che ospita gli iscritti: la bacheca è integrata nel tool proprietario della società e offre la possibilità di osservare le idee di investimento messe in condivisione dai vari utenti ed eventualmente replicarle sull’account personale. Si tratta di un approccio operativo che consente una diversificazione non solo di asset class ma soprattutto di strategie: un modus operandi che su sottostanti caratterizzati da un’elevata volatilità, come le criptovalute, garantisce una diluizione del rischio.

Ad esempio, in casi di forti oscillazioni di prezzo, come nel recente flash crash del Bitcoin, la combinazione di differenti view può smorzare un draw down improvviso, se non addirittura creare occasioni per estrarre valore dal movimento.


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.