ANCONA – Un nuovo pacchetto di misure urgenti a sostegno delle attività produttive e turistiche e delle micro e piccole imprese che hanno subìto conseguenze economiche a causa della pandemia da Covid19 è stato messo a punto dalla giunta regionale, come annunciato oggi, lunedì 10 gennaio, durante la conferenza stampa al Palazzo della Regione Marche, cui sono intervenuti il presidente Francesco Acquaroli, il vice presidente, Mirco Carloni, e l’assessore Guido Castelli.

Oltre 14 milioni di euro di fondi statali e con destinazione vincolata: è la dotazione complessiva messa in campo dalla Regione per il sostegno alle attività produttive e turistiche a seguito dell’emergenza Covid. Si tratta di misure urgenti di indennità a fondo perduto, stanziate dallo Stato, a favore delle piccole e micro imprese di diversi settori colpiti dalla crisi pandemica e che sono state illustrate oggi nella prima conferenza dell’anno dal Presidente Acquaroli e dagli assessori Mirco Carloni e Guido Castelli. Presente all’incontro con la stampa, l’assessore Stefano Aguzzi.

Le linee di intervento riguardano, in particolare, la ricapitalizzazione delle imprese a cui viene destinata, attraverso Confidi, la somma di 6 milioni di euro; gli aiuti ai settori di intrattenimento e organizzazione di cerimonie (2 milioni e 880 mila euro); il trasporto turistico 592 mila euro; i parchi tematici e divertimento 592 mila euro. Le domande per accedere ai contributi partono dal 17 gennaio prossimo, con termine l’11 febbraio 2022.

“Si tratta di un contributo a fondo perduto destinato ai settori più colpiti delle nostre attività produttive: il settore dell’intrattenimento e delle cerimonie, cui sono destinati 2.880.039 euro, quello del trasporto turistico, cui vanno 592.000 euro come pure a quello dei parchi tematici e di divertimento – ha chiarito il vice presidente Carloni e ha aggiunto: ” Altri 6.000.000 di euro sono destinati alla ricapitalizzazione e patrimonializzazione delle micro e piccole imprese per aiutarle a migliorare il loro rating. Le domande per i contributi vanno presentate dal 17 gennaio all’11 febbraio entro le ore 12“.

Ristori per la ripartenza anche a quelle attività connesse allo sport sciistico ha, inoltre, precisato l’assessore Castelli: ” Un contributo di 4.485.000 euro è riservato anche a quelle attività diverse dall’esercizio dell’impianto, ma che sono connesse allo sport invernale, come, ad esempio, le strutture alberghiere e le attività di noleggio ciaspole”.

“Una misura strategica e decisiva che rappresenta un primo impegno per la ricapitalizzazione delle nostre aziende, un impegno che andrà poi rafforzato – ha continuato Castelli – perché è necessario sostenere le aziende soprattutto nel debito a lungo termine”.

La solidità delle nostre imprese coincide con la loro capacità di essere competitive – ha dichiarato il presidente Francesco Acquaroli. “Le nostre aziende stanno ancora soffrendo per le conseguenze della pandemia e questo pacchetto di misure è un primo sforzo per sostenere l’economia locale attraverso le direttive e le normative che stiamo mettendo in atto”.


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.