ASCOLI PICENO – Alla vigilia del ritorno in campo contro la Ternana, domani venerdì 14 gennaio alle 20.30, torna a parlare l’allenatore dell’Ascoli Andrea Sottil.

“Finalmente si torna a giocare – afferma il tecnico bianconero – avevamo bisogno di riprendere l’adrenalina della partita e ricominciare il percorso, le difficoltà sono palesi, le hanno tutte le squadre, purtroppo questo virus non ci vuole abbandonare, abbiamo dovuto gestire allenamenti, orari, tamponi, chi ha avuto il Covid, chi è diventato positivo, la carenza numerica e l’organizzazione degli allenamenti. Però, ripeto, è un problema oggettivo, di tutti, lo abbiamo gestito al meglio con lo staff medico, i fisioterapisti, la grande disponibilità dei ragazzi, dello staff tecnico, del team manager, del ds, di tutta la società. I ragazzi hanno saputo affrontare con serietà, in maniera intelligente e professionale questo momento, abbiamo lavorato bene, sono contento. I calciatori che ho a disposizione sono tutti concentrati, hanno lavorato con grande intensità, percorrendo molti chilometri ad altissima intensità per mettere benzina nelle gambe e poter essere pronti domani sera a Terni. Sono molto contento del lavoro del direttore sportivo Valentini, con cui ho un rapporto quotidiano di grande empatia e confronto, sono arrivati tre ottimi calciatori, per Bellusci parla la carriera, quanto a Falasco e Tsajout si tratta di due calciatori che hanno sempre giocato, nella loro ultima squadra hanno avuto un ruolo da protagonisti. Sono tre ottimi ragazzi che si sono messi subito a disposizione, Tajout e Bellusci conoscevano già molti dei nuovi compagni“.

“La formazione la deciderò domani – continua Sottil – Ai ragazzi dico sempre che la forza della squadra è sempre il noi, non l’io, la forza è sentirsi tutti coinvolti. Finora hanno giocato quasi tutti, essere sempre coinvolti e giocare al massimo fa la differenza. Da quando sono arrivato ho visto sempre grande serenità e senso di appartenenza, a maggior ragione oggi che siamo in emergenza come tante squadre; ma questo non deve essere assolutamente un alibi, sono sicuro che chi sarà schierato dall’inizio o chi subentrerà sarà pronto a dare battaglia contro una squadra forte, in salute. Anche noi stiamo bene, i giocatori si sono ricaricati, soprattutto da un punto di vista mentale. Questa squadra ha fatto un ottimo percorso, 26 punti sono un buon bottino, ma abbiamo l’ultima partita per svoltare definitivamente al giro di boa e abbiamo l’obbligo di fornire un’ottima prestazione, aspetto che è mancato con Cittadella e Cremonese. Siamo tutti carichi, a cominciare da me. Andiamo a Terni e, in funzione dell’emergenza, dovremo metterci qualcosa in più”.

Sono 20 i convocati per la sfida in Umbria: Bolletta, Guarna, Leali; Avlonitis, Baschirotto, Bellusci, D’Orazio, Quaranta, Tavcar; Caligara, Castorani, Collocolo, Franzolini, Maistro, Saric; Bidaoui, De Paoli, Iliev, Palazzino, Tsadjout.


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.