ASCOLI PICENO – L’Ascoli presenta l’ultimo arrivo di questo mercato invernale il laterale sinistro, e all’occorrenza anche difensore centrale, Nicola Falasco.

“E’ un onore essere qui per me – le parole del neo bianconero –  la trattativa c’è stato nei primi giorni di mercato, abbiamo fatto presto a trovare l’accordo, è stato tutto veloce, poi c’è stato il problema del Covid, sono risultato positivo, nonostante avessi fatto le tre dosi di vaccino, finalmente sono qua. Avevo sentito Tsadjout appena era arrivato qui, gli avevo fatto i complimenti e l’in bocca al lupo, poi l’ho risentito quando si era sbloccata la mia situazione, gli avevo chiesto com’erano stati i primi giorni e il primo impatto. Mi aveva detto che era molto contento, che il gruppo lo aveva accolto molto bene. Sono fortunato da questo punto di vista perché conosco molti bianconeri, con Leali ho giocato nel settore giovanile a Brescia, con Bidaoui ad Avellino, con D’Orazio alla Pistoiese, poi ci sono i veneti, soprattutto Fabio Maistro che abita a pochi chilometri da casa mia. Ho trovato un gruppo sano, bravi ragazzi, mi hanno accolto veramente bene, li ringrazio e sono contento. Sono molto duttile, aspetto che mi piace perché nell’arco dell’anno capita ci sia bisogno in altri ruoli. Ho fatto il centrale di sinistra in una difesa a tre, il quinto, ma il terzino sinistro è quello che ho ricoperto nella maggior parte dei casi”.

“L’altra sera con Marcel Buchel ho visto la partita contro la Ternana – continua Falasco – l’Ascoli è una squadra che nelle difficoltà è molto unita, messa bene in campo, dobbiamo continuare su questa strada, sabato ci aspetta una partita impegnativa. Il Cosenza è una squadra molto tosta, soprattutto in casa, un mese fa l’ho affrontata, ha l’atteggiamento di chi deve salvarsi e far punti, ma noi saremo sul pezzo e l’affronteremo nel modo giusto. Devo sistemarmi fisicamente perché il Covid mi ha tenuto più fermo del dovuto, sto bene, devo solo mettere un po’ di allenamenti nelle gambe. Il mister ieri ci ha fatto un bellissimo discorso dicendo che il girone di andata è passato, da sabato inizia il ritorno, dobbiamo pensare a una gara alla volta, bisogna mantenere il trend positivo che abbiamo fuori casa e migliorare quello interno, ma sicuramente col lavoro ce la faremo”.


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.