ASCOLI PICENO – Al via gli incontri del progetto “Le Radici del Futuro” dove sono tre le diocesi coinvolte: Ascoli Piceno, Fermo e San Benedetto del Tronto-Ripatransone-Montalto. Giovedì 10 febbraio alle ore 16 presso l’ex chiesa di San Michele a Montemonaco si terrà l’evento di conclusione del progetto interdiocesano “Le Radici del Futuro” a favore dei territori colpiti dal sisma del 2016.

Si tratta di un progetto partito da lontano e che vuole arrivare ancora più lontano, infatti dopo l’emergenza sisma, in cui le Caritas si sono impegnate in prima linea con l’ausilio del NOE (Nucleo Operativo Emergenze), hanno avviato un percorso formativo di co-progettazione, sostenuto da Caritas Italiana e che ha trovato un suo terreno di applicazione proprio nel progetto “Le Radici del Futuro”.

L’obiettivo del progetto, avviato a marzo 2020, è stato quello di offrire un supporto e una vicinanza concreta agli abitanti dei luoghi del “cratere” attraverso azioni diversificate quali: mappatura dei territori per rilevazione bisogni, supporto psicologico, supporto genitoriale, formazione, supporto lavorativo (TIS), supporto alle parrocchie per oratori estivi, animazione per bambini e adolescenti, supporto didattico e laboratori esperienziali.

Saranno presenti all’incontro i tre vescovi delle tre diocesi impegnate nella progettualità: Monsignor Rocco Pennacchio (vescovo delle diocesi Fermo), Monsignor Carlo Bresciani (vescovo della diocesi di San Benedetto-Ripatransone-Montalto) e Monsignor Giampiero Palmieri (vescovo della diocesi di Ascoli Piceno).

Saranno presenti all’evento anche una delegazione di Caritas Italiana, Caritas Marche, i direttori delle Caritas diocesane e tutti i partner che hanno condiviso questa ambiziosa co-progettazione. L’evento sarà trasmesso in diretta streaming sui canali Youtube grazie al supporto tecnico di Radio Ascoli.

Per la partecipazione sarà opportuno prenotarsi preventivamente attraverso i seguenti contatti.

E-mail: [email protected]
Telefono: 0735-588785
Cellulare: 333-7550956


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.