ANCONA – Di seguito una nota stampa, giunta in redazione il 17 febbraio, dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Ancona.

Le Fiamme Gialle della Tenenza di Senigallia hanno concluso, nelle scorse settimane, sotto il
coordinamento delle Procura della Repubblica di Ancona e Fermo, una vasta attività investigativa che ha
permesso d’individuare l’immissione in commercio sull’intero territorio nazionale di un rilevante numero di
mascherine tipo FFp2 non conformi ai requisiti essenziali di sicurezza previsti dalla normativa europea.
L’indagine trae origine da alcuni controlli volti alla verifica dell’osservanza delle disposizioni di legge sulla
commercializzazione dei dispositivi medici e di protezione individuale e al contrasto delle pratiche commerciali
scorrette, durante i quali i finanzieri di Senigallia individuavano presso alcuni punti vendita la presenza di
mascherine tipo “Ffp2”, tutte riferibili al medesimo importatore dalla Cina, che erano prive, sulla confezione,
dell’indicazione del sito internet da cui poter scaricare il certificato di conformità del previsto marchio “Ce”,
così da poterne accertare la regolarità.
La funzione della marcatura “Ce” è quella di tutelare l’interesse pubblico della salute e sicurezza degli
utilizzatori dei prodotti, assicurandone la conformità alle disposizioni comunitarie che regolano il loro utilizzo.
La rispondenza alla normativa comunitaria dei prodotti immessi in commercio deve infatti essere certificata con
una “Dichiarazione di conformità”, che in alcuni casi, come per i dispositivi medici, deve essere rilasciata da un
“organismo notificato”, ovvero un ente di certificazione accreditato presso la Commissione Europea. Ogni
certificato di conformità deve obbligatoriamente indicare, tra l’altro, un numero identificativo che è valido
esclusivamente per il singolo modello di dispositivo di protezione individuale -Dpi- oggetto della dichiarazione.
Conoscendo il numero del certificato di conformità il consumatore può, quindi, autonomamente riscontrare sulla
banca dati aperta dell’organismo notificato la data di decorrenza e di scadenza del certificato di conformità e se
lo stesso è stato emesso per quel determinato modello.
Individuato l’importatore delle mascherine, una società avente sede nel fermano gestita da un soggetto di origine
cinese, sono state avviate approfondite indagini tese a ricostruire l’intera filiera distributiva, all’esito delle quali
l’Autorita’ Giudiziaria disponeva diverse perquisizioni locali ed il sequestro dei predetti Dpi su tutto il territorio nazionale, con il
coinvolgimento di ottanta Reparti della Guardia di Finanza con l’impiego di oltre duecento militari.
Durante le operazioni di perquisizione, eseguite presso l’importatore e presso i punti vendita individuati, sono
state sequestrate oltre 1.110.000 mascherine tipo FFp2 e documentazione contabile e tecnica fornita a corredo
delle importazioni effettuate.

Le successive analisi di laboratorio disposte dall’Autorità Giudiziaria ed eseguite sui Dpi sequestrati,
evidenziavano una percentuale di filtrazione di gran lunga inferiore a quella dichiarata dal produttore e pertanto
non rientrante nei parametri consentiti dalla normativa europea di riferimento.
Analoghi risultati di non conformità giungevano all’esito dell’analisi documentale eseguita sui certificati di
conformità esibiti dalla società fermana a corredo della relativa fornitura.
Al termine delle operazioni il rappresentante legale della società fermana risultata importatrice dei Dpi non
conformi, è stato denunciato per il reato di cui all’art. 14 comma 1 lettera c) del D.Lgs.475/1992 che prevede, tra
l’altro, la pena dell’arresto sino a sei mesi.
In un contesto emergenziale come quello attuale, la Guardia di Finanza è impegnata non solo nella vigilanza sul
rispetto delle misure di contenimento della diffusione del virus ma anche nella salvaguardia della
salute pubblica, attraverso l’intensificazione dei controlli in materia di sicurezza dei prodotti.

Nulla osta dell’Autorità Giudiziaria alla divulgazione del presente comunicato.


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.