ASCOLI PICENO – “Questa mostra è la celebrazione dell’identità marchigiana e la valorizzazione delle eccellenze, la concreta realizzazione degli obiettivi che abbiamo inserito nella legge regionale numero quattro del 2021 sul Riconoscimento  di Fabriano come città della carta e della filigrana e di Ascoli Piceno e Pioraco come Città della carta – Così l’assessore alla Cultura, Giorgia Latini ha definito in sintesi il significato della mostra “Canti di Carta”dal 19 marzo all’8 maggio alla Pinacoteca Civica Bruno Molajoli di Fabriano – presentata nel corso di una conferenza stampa e sostenuta dalla Regione Marche.

“Si tratta di una ideale prosecuzione delle celebrazioni per i settecento anni della morte di Dante – ha aggiunto l’assessore – come è stata ideata e realizzata rappresenta non solo l’esaltazione, attraverso testi importanti e testimonianze cartacee del Poeta, legato anche alle nostre Marche, ma anche l’esempio di come si possano davvero mettere in rete realtà culturali del nord e del sud della regione nel comune principio di valorizzazione del patrimonio culturale e delle eccellenze. Fabriano e Ascoli Piceno, dunque legate non solo dall’antica produzione della carta ma da uno scambio di tesori e di conoscenze.”

La mostra infatti accoglie in dieci sezioni, novantuno opere d’arte che si ricollegano a Dante e alla Divina Commedia, provenienti principalmente dalle Civiche Collezioni del Comune di Ascoli ma anche dal Comune di Montefiore dell’Aso, da collezionisti privati e dalla raccolta d’arte della Provincia di Ascoli Piceno. Ci sono disegni del Guercino, di Giovanna Garzoni e scritti di Cecco d’Ascoli e poi il ritratto di Dante di Adolfo de Carolis, come ha ricordato il curatore e ideatore Carlo Bachetti Doria: “E’ stato un lavoro faticoso, durato sette mesi, ma che ci ha permesso di capire quanti tesori di carta ci siano ancora nelle Marche e ad Ascoli Piceno in particolare e quanto amore nei collezionisti. La ricerca, infatti, ci ha permesso di fare un inventario enorme, tra Biblioteche, Archivi e collezioni che abbiamo diviso in tre tipologie: i libri e incunaboli antichissimi, cartografia scientifica, opere d’arte con incisioni, disegni e diversi sistemi di stampa. Insomma un lungo viaggio verso Dante che con la sua Commedia ha ispirato e continua ad ispirare ancora tantissima arte e letteratura”.   

“Nonostante la sua fragilità, la carte restano ancora il supporto più solido e certo per conservare e trasmettere conoscenze.” – Come ha detto lo storico, critico d’arte e direttore della Pinacoteca civica di Ascoli Piceno, Stefano Papetti in un video proiettato durante la conferenza stampa. “E’ un’occasione molto originale e diversa per ricordare Dante e quanto patrimonio culturale a lui si sia ispirato – ha aggiunto –  e quanto ne conserviamo nelle Marche, ma anche un’occasione per riflettere su come centri importanti della produzione della carta come Fabriano e Ascoli siano stati determinanti per veicolare cultura.”

Alla conferenza stampa sono intervenuti anche i consiglieri regionali Chiara Biondi e Carlo Ciccioli ribadendo il valore di questa mostra e come realizzi pienamente le finalità della legge regionale 4/21.

Ma l’esposizione non ospita solo le opere di grandi maestri dell’arte antica, ma anche di arte moderna e contemporanea, come Morandi e Licini e poi le foto di Giacomelli e i contemporanei Consorti, Cutini e Girardi

 


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.