ASCOLI PICENO – Si è svolta questa mattina alla sala De Carolis e Ferri di Palazzo Arengo la conferenza stampa di presentazione della 23° edizione del Memorial “Alessandro Troiani”, evento benefico organizzato in favore dell’Ail di Ascoli che si svolgerà mercoledì 8 giugno alle ore 21 in piazza del Popolo e che vedrà la presenza sul palco di Elisa e dell’attore Marco D’Amore, insieme a Dario Faini.

Hanno partecipato alla conferenza il sindaco Marco Fioravanti, l’assessore comunale agli eventi Monia Vallesi, Giuliano Agostini dell’Ail e Leonardo Galieni, figlio del professor Piero Galieni. Il direttore artistico Dario “Dardust” Faini è intervenuto in collegamento video.

I biglietti saranno in vendita dalla prossima settimana, online e alla biglietteria del teatro.

“Ci tenevo – ha esordito il direttore artistico Dario Faini – a presentare gli ospiti di quest’anno: ci sarà Elisa, figura imponente per la cultura pop italiana, un’artista completa ed eccezionale. Poi il momento del monologo sarà affidato a Marco D’Amore, attore di primissimo piano. Ci sarò anche io per una delle mie poche performance live”.

Il sindaco Marco Fioravanti ha spiegato: “Si tratta di uno degli eventi più importanti dell’anno per la nostra città. Il ricavato sarà destinato al reparto di Ematologia, per il quale Alessandro Troiani si è speso con tutte le sue forze. Questo Memorial è un appuntamento importante a livello artistico, sociale e sanitario: farlo all’inizio dell’esatte rappresenta anche un segnale di rinascita”. L’assessore comunale agli eventi, Monia Vallesi, ha sottolineato la qualità di questo appuntamento: “Ringrazio l’organizzazione che in questo modo ricorda un ragazzo come Alessandro e porta in città artisti di fama. Un’iniziativa che va avanti per una nobile causa e che sosteniamo da sempre, anche per sostenere chi combatte questa battaglia ogni giorno”.

Il presidente dell’Ail Ascoli, Giuliano Agostini, ha parlato dello spirito del Memorial: “Vogliamo ricordare Alessandro Troiani, che ha dato il via alla grande famiglia Ail. Quello che abbiamo oggi ad Ascoli è un reparto di eccellenza e lo dobbiamo all’intuizione di Alessandro. Vogliamo anche lanciare un messaggio per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della ricerca: i progressi della medicina possono salvare vite umane e quindi è importante raccogliere fondi per il reparto di ematologia, perché la diagnosi precoce permette di avere cure migliori”.

Leonardo Galieni, figlio del primario Piero, ha concluso: “Questo Memorial è possibile grazie al genio e all’entusiasmo di Dario Faini e per merito degli enti istituzionali e delle aziende che lo sostengono. Si tratta di un evento unico nel suo genere, di rilevanza nazionale”.


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.