OFFIDA – È giunta al suo ultimo atto l’iniziativa: “La mia Scuola a Rifiuti Zero“, il progetto che ha visto coinvolti bambini delle elementari in un dialogo sullo sviluppo sostenibile e sugli obiettivi di Agenda 2030.

L’appuntamento finale si è tenuto nella splendida cornice del parco Pablo Neruda, a fare gli onori di casa l’assessore alla cultura Isabella Bosano e l’assessore all’ambiente Maurizio Peroni.

Entrambi gli Assessori  si sono complimentati con bambini e maestre per il percorso di educazione ambientale, giunto ormai al terzo anno, svolto anche quest’anno con Marche a Rifiuti Zero, grazie alle lezioni di Roberto Cameli.

Sabrina Petrucci, presidente di Marche a Rifiuti ha ricordato a tutti l’importanza di ispirarsi sempre più alla natura nella quotidianità, e quindi di riutilizzare gli scarti per non produrre rifiuti e non sprecare.

Con il laboratorio Il mio regalo alla Terra, ai bambini viene chiesto di adottare tre azioni per migliorare la propria impronta ecologica e quindi far del bene alla Terra.

Giocare all’aria aperta e utilizzare meno la playstation, non lasciare le luci accese, bere acqua del rubinetto e scegliere cibi locali e stagionali sono le azioni più gettonate.

In altre parole: la risposta sta nell’adottare comportamenti adatti alle nostre vite e nel portare avanti piccoli e grandi cambiamenti per essere sempre più sostenibili.

 


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.