ASCOLI PICENO – Una delle mission della Croce Rossa è quella di creare un mondo in cui le comunità siano più forti e più consapevoli, capaci quindi di affrontare meglio crisi e sofferenze.

“Una tragedia come quella del sisma non puoi scordarla. Le crepe, la devastazione, le urla sono ciò che noi tutti di Cri non possiamo dimenticare – dichiara con fermezza la Presidente Biancucci – passati i primi momenti di soccorso ed emergenza abbiamo compreso che una volta concluso il palcoscenico del momento sarebbe iniziato il vero lavoro di supporto”.

Infatti, grazie al progetto nazionale di Croce Rossa Italiana e Poste Italiane, si è potuto avviare un percorso di assistenza e supporto psicologico e sociale costante per la durata di due anni e mezzo.

Spiega la dott.ssa Dionisi che ha seguito dapprima le prime fasi dell’emergenza per poi proseguire con progetti di natura psicosociale: “Abbiamo incentrato il lavoro sul supporto psicosociale fondato sulla comunità, per favorire la creazione di esperienze comuni e promuovere un sentire comune condiviso dai membri di un gruppo. Condividere le proprie storie personali fa sentire meno soli e facilita il processo di elaborazione“.

La Croce Rossa di Ascoli ha accompagnato il lavoro professionale in tutte le fasi, con una presenza costante e partecipe. L’importanza di queste attività di comunità ha reso possibile il contrasto e contenimento di sentimenti legati alla solitudine e all’isolamento, rafforzati dal periodo Covid-19.

“La chiusura progettuale porta con sé sempre un vuoto, in questo caso è significativo aver lavorato sul senso di autoefficacia ed empowerment – fanno sapere i membri dello staff – dove è la persona e la comunità stessa a rendersi, dopo una fase di elaborazione ed accompagnamento, attiva nel processo di riacquisizione delle proprie abilità e del proprio tessuto sociale“.


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.