ASCOLI PICENO – Riportiamo un comunicato del sindaco di San Benedetto Antonio Spazzafumo in merito alla questione Ciip, che nei giorni scorsi lo ha visto chiamato in causa. In merito avevamo pubblicato una nota del sindaco di Colli Andrea Cardilli.

Relativamente alle varie notizie ed indiscrezioni circolate in questi giorni in merito alla questione Ciip e alle mie ipotetiche “ambizioni di poltrona”, vorrei precisare che il sottoscritto ha sempre lavorato di comune accordo con tutti i sindaci del Piceno per trovare quel giusto equilibrio che tutelasse il territorio, l’azienda interessata ed il servizio offerto.

I miei impegni istituzionali assieme a quelli professionali assorbono la quasi totalità delle mie giornate e per questo – come già fatto di persona sin dai primi incontri con tutti i soggetti coinvolti nelle importanti decisioni sui vertici della Ciip – ho sempre rimarcato la mia totale indisponibilità a ricoprire una qualsiasi carica, tantomeno la presidenza di un ente importante come quello dell’Ato.

Come già espresso a suo tempo, non vorrei che certe notizie veicolate ad arte fossero solo il fine – più o meno consapevole – di una strategia a monte per “seminare zizzania” e gettare discredito sul lavoro di integrazione di intenti che stiamo portando avanti, col solo fine di destabilizzare – e quindi poter gestire a proprio vantaggio – l’unità empatica e costruttiva che nei mesi noi sindaci siamo già riusciti ad ottenere in così poco tempo.

I miei rapporti con gli altri sindaci del Piceno sono sinceri, cordiali, costruttivi e propositivi e sempre lo saranno, perché – e di questo sono certo – tutti noi siamo volti a cercare quell’integrazione territoriale che solo nella sua unità potrà portare benessere e visibilità a tutti i 33 comuni Piceni, così come più volte espresso anche dal presidente della Provincia Loggi, che ringrazio per la sua opera di ‘collante super partes’.


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.