APPIGNANO DEL TRONTO – Domenica 3 luglio il centro storico è stato teatro dell’ultimo appuntamento della seconda edizione del Rural Art Festival, il festival organizzato dal Comune nell’ambito del progetto europeo Ruritage, con la collaborazione degli stakeholders locali.

A partire dalle ore 18, nella piazza Umberto I, allestita per l’occasione grazie alla collaborazione di Vinea e di Forti Vivai, c’è stato il mercato contadino con degustazioni di prodotti tipici delle aziende locali, az. Agricola Mari Anna Maria, Panificio Allevi Carolina, Oneiroi pasticceria, Cantina Sesì, Azienda agricola Valle San Martino e Conca d’oro che hanno organizzato uno street food d’eccellenza, con l’aiuto anche dell’angolo bevande organizzato dalla proloco e dall’associazione Frammenti.

Contemporaneamente, ci sono state animazioni per bambini e famiglie a cura di La Casa di Asterione presso il cortile dell’ex asilo, uno spazio aperto e dinamico dove i bambini hanno sperimentato diversi linguaggi espressivi, con postazioni di movimento, postazioni di manualità con argilla, colori, falegnameria e uno spazio di lettura e sperimentazione sonora, tanto divertimento e nutrimento per la testa e per il cuore.

Alle ore 21, nel Centro storico, c’è stato un’emozionante momento dedicato al rap in cui si sono esibiti gli artisti locali: Markush, Gange Sawer e Ness1. Il Rural Art Festival si sarebbe dovuto concludere con il Concerto dell’artista Ditonellapiaga che per motivi di salute ha dovuto annullare il concerto; grazie al lavoro di Seventeen eventi gli organizzatori sono riusciti ad ingaggiare la Band “io e i Gomma Gommas”, un vero concentrato di divertimento, tecnica e pazzia, che con un atteggiamento subito empatico e assolutamente rural, hanno fatto divertire e ballare la piazza, interagendo con il pubblico e improvvisando un momento hip hop con i rapper locali.


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.