ANCONA – Sono stati riaperti i termini per la presentazione di progetti per il restauro e la valorizzazione del patrimonio architettonico e paesaggistico rurale nell’ambito del PNRR finanziato dall’Unione europea – NextGenerationEU a titolarità regionale. La nuova scadenza è il 30 settembre  per poter finanziare un minimo di 103 interventi con una dotazione assegnata alle Marche di oltre 15 milioni di euro.

“Abbiamo disposto la proroga – commenta l’assessore alla Cultura Giorgia Latini – per consentire un accesso più ampio al bando. La cura del paesaggio rurale sarà sempre più un elemento di competitività della nostra Regione. Le Marche sono ricche di insediamenti agricoli, edifici, manufatti e fabbricati rurali storici e di elementi tipici dell’architettura e del paesaggio rurale che attraverso questa misura possono essere sottoposti a risanamento conservativo e recupero funzionale”.

L’avviso coniuga questa tipologia di interventi ad  azioni di miglioramento sismico, all’efficientamento energetico e all’abbattimento delle barriere architettoniche. Sono compresi inoltre interventi di manutenzione del paesaggio rurale e l’allestimento di spazi da destinare a piccoli servizi sociali, ambientali turistici (escluso l’uso ricettivo), per l’educazione ambientale e la conoscenza del territorio, anche connessi al profilo multifunzionale delle aziende agricole.

La concessione del contributo è fino ad un massimo di 150.000 euro come forma di cofinanziamento per un’aliquota dell’80%. Il contributo è portato al 100% se il bene è oggetto di dichiarazione di interesse culturale, fermo restando la soglia massima di 150.000 euro.

Le domande possono essere presentate fino al 30 settembre  alle ore 16,59, utilizzando esclusivamente l’applicazione informatica predisposta da Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. accessibile previa registrazione dal seguente link: https://portale-paesaggirurali.cdp.it/

Il bando è consultabile al link: https://www.regione.marche.it/Regione-Utile/Cultura/Bandi-di-finanziamento/id_9241/5615   


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.