ANCONA –  Il caldo e l’irraggiamento solare hanno determinato una maturazione anticipata delle olive.

Per questo motivo il Consorzio Tutela e Valorizzazione dell’Oliva Ascolana del Piceno Dop ha chiesto al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali la modifica temporanea, solo per la stagione di raccolta olivicola 2022, del Disciplinare di Produzione, anticipando la data di inizio autorizzato della raccolta dal 10 settembre al 31 agosto dell’oliva ascolana.

Un fenomeno analogo, segnala il Consorzio, interesa anche i vigneti.

“Nei campioni esaminati dagli esperti del Consorzio –  spiega una nota – si evidenza il precoce principio di invaiatura dal colore delle olive già virante al giallo, così come è evidente il distacco netto e pulito della polpa dal nocciolo a seguito di taglio equatoriale del frutto, elementi entrambi convergenti a dimostrare la anticipata maturazione”.

Secondo il Consorzio, l’autorizzazione alla anticipazione della raccolta “consentirà anche di evitare un ulteriore trattamento fitosanitario finalizzato a contrastare la Bractocera Oleae (mosca dell’olivo) con minore impatto ambientale e vantaggio per la sostenibilità”.

Fonte: Ansa notizie


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.