ASCOLI PICENO – Nel corso dell’odierna Riunione di Coordinamento delle Forze di polizia, tenutasi presso la Prefettura di Ascoli Piceno, è stata nuovamente oggetto di approfondimento la tematica delle truffe agli anziani che vengono denunciate sul territorio. Il Prefetto Carlo De Rogatis, infatti, tenuto conto della persistenza di questo fenomeno – che vede vittime di raggiri da parte di malintenzionati i soggetti tra i più vulnerabili della popolazione – ha inteso proporre un ulteriore potenziamento delle iniziative di contrasto alle truffe in parola.

Dopo ampio confronto sul tema e in continuità con le attività già intraprese con il progetto “Io non ci casco!”, promosso nel novembre 2021, il tavolo ha condiviso l’opportunità di sviluppare nuovi canali di intervento e rafforzare quelli già esistenti con tutte le componenti che operano nei settori nei quali è più frequente il contatto con le persone anziane.

In tal senso, verranno sensibilizzate le Diocesi di Ascoli Piceno e di San Benedetto del Tronto affinché, mediante la capillare presenza sul territorio provinciale delle parrocchie e delle associazioni ad esse correlate, possano distribuire il manuale illustrativo contenente indicazioni e suggerimenti sui comportamenti da tenere per prevenire potenziali truffe agli anziani.

Analogamente, lo stesso materiale sarà veicolato ai Comuni e alle associazioni del territorio al fine di intercettare il maggior numero di persone.

Gli interlocutori individuati saranno inoltre invitati a promuovere momenti di incontro, nei luoghi di maggiore aggregazione degli anziani, al fine di raccomandare e diffondere utili consigli ai soggetti interessati.

Al riguardo, i rappresentanti delle Forze dell’ordine hanno confermato e ribadito la disponibilità e l’impegno a collaborare per mettere a punto iniziative sia informative che formative al fine di contenere il numero delle truffe e promuovere comportamenti virtuosi da parte delle persone più esposte.


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.