ASCOLI PICENO- Prestazione brillante dei bianconeri che battono anche il Cagliari, in un “Del Duca” con oltre 7mila spettatori, per 2 a 1, Picchio al secondo successo consecutivo.

Decidono Dionisi dal dischetto e Mendes il posticipo della decima giornata d’andata del campionato di Serie B,accorcia Pavoletti per i sardi nel finale ma non basta a fermare questo Picchio che fa sognare e sale a 15 punti superando proprio i rossoblù e trovandosi ora a ridosso della zona playoff ad un solo punto dal Parma.
Prestazione di cuore dell’Ascoli,  soprattutto nel finale molto acceso.

Traguardo speciale per Enrico Guarna che supera Ivan Lanni per presenze tra i pali del Picchio, con 167 gettoni, entra nella storia e in questa speciale classifica.

Il tecnico del Cagliari, Fabio Liverani: “Credo che sono stati solo due episodi non credo che abbiamo subito nulla, per me la squadra ha fatto un’ottima gara non abbiamo concesso più delle due reti. Abbiamo giocato 90 minuti, abbiamo perso ma come prestazione non credo che ci sia da parlare più di tanto. Non abbiamo trovato occasioni importanti. Nella nostra metà campo non abbiamo concesso quasi nulla.”

Il tecnico bianconero, Bucchi:”Quello che cercavamo dall’inizio lo spirito giusto, sono un pò di partite che si vede questo, reazione dei ragazzi con grandi valori, hanno capito che l’estetica e la bellezza a volte vanno messe da parte per il sacrificio. Noi siamo stati bravi sapevamo che sarebbe stata una partita difficile. Attaccanti che si abbassano e aiutano, difensori che salgono. Dobbiamo continuare così non guardo la classifica. I valori ci sono dovevamo solo trovare il modo di farli venire fuori. Duttilità e giocatori giovani servono anche per cambiare e fare qualcosa di diverso, sfruttando la duttilità di questo gruppo e anche utilizzando due attaccanti di ruolo la struttura cambia e l’atteggiamento è quello che ha fatto la differenza. Mendes? E’ energia pura è dirompente, arriva da un campionato diverso e ha bisogno di tempo, è meticoloso, deve capire il calcio italiano il modo di allenarsi e lavorare, lo conoscevamo e sappiamo che ci può dar tanto anche a Genova ha fatto molto bene. Non ci sono doppioni in attacco ma sono tutti giocatori diversi e tutti hanno tempo di fare buone cose. Lungoyi dal primo minuto?  Per me è un giocatore molto esplosivo e attacca la profondità e ho pensato che con Dionisi ci avrebbe aiutato ad allungare la squadra, pensando che poi Bidaoui e Mendes potevano aiutarci a gara in corso. Dionisi e gli infortunati? Federico aveva già un problema un fastidio tendineo all’interno coscia, Simici è uscito per crampi, oggi il campo era pesante, anche Eramo uscito per crampi. Bellusci è entrato dopo per scelta tecnica, ho voluto dare continuità a chi aveva giocato a Bari. Abbiamo un pacchetto arretrato con tanta qualità.”

Ernico Guarna, traguardo speciale di presenze come portiere in bianconero che supera Ivan Lanni: “Sono orgogliodo di questo traguardo personale perchè ho iniziato il mio percorso qui da bambino e per me è un onore.La difesa a tre? lavora tantissimo, da dietro cerco di dare punti di riferimento molte volte Simic e Quaranta si trovano come terzini, la compatezza dipende da quello che mettiamo in campo, oggi partita difficile abbiamo resisito erano veramente forti. Sul gol di Pavoletti è stato un mio errore, ero uscito di pugno e poi per fare qualcosa in più ho commesso un errore. Abbiamo fatto un gran balzo battendo Bari e Cagliari, ci siamo ricompattati alla grande sia come gruppo che come spirito, è una differenza che arriva durante la settimana. Gioire con il nostro pubblico è bello anche per i tifosi. Il ballottaggio con Baumann l’ho vissuto come ogni giorno, siamo professionisti, poi in questa piazza per me è diverso il sentimento che ci metto è diverso sono stato in silenzio e mi sono fatto trovare pronto.”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cronaca del match

Ascoli-Cagliari, 2-1. Dionisi e Mendes decidono il match, grande prestazione del Picchio

 

 


Copyright © 2023 Riviera Oggi, riproduzione riservata.