ASCOLI – Dopo i pomeriggi dedicati al vernacolo ascolano che per diverse settimane hanno visto avvicendarsi con proprie performances i primari cultori del dialetto della nostra città, il Centro Culturale ADA-Bruno Di Odoardo di Pennile di Sotto, promuove  dal prossimo venerdì  altri appuntamenti pomeridiani, all’insegna dell’ascolanità.

Protagonista sarà infatti questa volta il Carnevale ascolano che vedrà ben 12 protagonisti della singolare kermesse avvicendarsi, presso la sede del Centro di via lazio 2, per raccontare i segreti di come sono nate le idee, i travestimenti e gli sketch più esilaranti, che poi riproporranno anche in quella stessa sede. “L’uddema cosa seria che c’è remaste è lu Carnevale” è il titolo dell’iniziativa dell’ADA che, con il Patrocinio del Comune di Ascoli, per 7 venerdì, con inizio alle ore 16:30,  farà rivivere a quanti parteciperanno, le più note macchiette e le esilaranti scenette della  tradizionale manifestazione tutta ascolana.

Si inizia quindi già venerdì 18 con il primo appuntamento introduttivo che vedrà impegnata Erminia Tosti Luna che, con l’ausilio di Maurizio Cacciatori, ripercorrerà la storia del carnevale ascolano, attraverso le nozioni riportate nel libro scritto in tema, in anni passati, dal marito Luca Luna.

Gli altri appuntamenti sono quindi previsti per venerdì 2 dicembre con Flavia Cenciarini, Nico Stallone e Pietro D’Ottavi; venerdì 16 dicembre con Franco Laganà; verdì 13 gennaio 2023 con Zé Migliori; venerdì 17 gennaio con Zé Vanni, Alberto Ercoli e Paolo Fratoni; venerdì 20 gennaio con Carmelita Galiè e Pino Di Teodoro; e venerdì 27 gennaio con il presidente del carnevale Marco Olori, accompagnato da Stefano Traini.

Nel pomeriggio di venerdì 10 febbraio e quindi prima del canonico periodo di carnevale, che va da giovedì 16 a martedì 21, si svolgerà nella stessa sede, un appuntamento mascherato con tutti i protagonisti degli incontri e la degustazione della cucina tipica di carnevale. Un’iniziativa che sarà sicuramente gradita non solo ai soci del centro Ada-Di Odoardo ma a chiunque vorrà intervenire poiché come ricordano i referenti del Centro, Paola Luzi e Francesco Fabiani la partecipazione è aperta a tutti, a titolo del tutto gratuito.


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.