ANCONA – È stato pubblicato il 20 dicembre sulla Gazzetta Ufficiale il Bando di concorso e l’Avviso pubblico per l’ammissione al corso di formazione specifica in medicina generale per il triennio 2022-2025 organizzato dalla Regione Marche.

“La Regione – dichiara l’assessore alla Sanità, Filippo Saltamartini – ha stanziato 6,6 milioni per portare a 110 le borse di studio per i medici di Medicina generale e a 42 i contratti di formazione per i medici specialisti. Parliamo di una inversione di tendenza totale: questo piano garantisce che la nostra Regione nei prossimi anni possa superare le criticità che abbiamo trovato per la scarsa programmazione passata. Si prevede che al 2030 oltre il 20% dei medici marchigiani verrà collocato in quiescenza, con incidenza ancora maggiore nelle discipline ospedaliere legate all’emergenza urgenza e nella medicina generale: dobbiamo essere pronti”.

La presentazione delle domande è possibile a decorrere dal 21 dicembre fino alle ore 12 di giovedì 19 gennaio 2023.
Le domande possono essere presentate esclusivamente per via telematica, attraverso il sistema pubblico di identità digitale (Spid), la carta di identità elettronica (Cie) o la carta nazionale dei servizi (Cns), tramite l’applicazione informatica https://cohesionworkpa.regione.marche.it/ disponibile sul sito istituzionale dell’amministrazione regionale www.regione.marche.it al seguente indirizzo https://www.regione.marche.it/Regione-Utile/Salute/Concorsi/Concorso-Corso-Formazione-MedicinaGenerale/

Si raccomanda di munirsi per tempo delle credenziali d’accesso a scelta fra Spid, Cie o Csn accertandosi sul corretto utilizzo e sull’effettivo funzionamento prima dell’avvio della compilazione della domanda.

È possibile segnalare eventuali problemi tecnici inviando una mail all’ indirizzo [email protected] con una breve descrizione del problema, un recapito telefonico e una mail presso il quale essere contattati. L’ufficio provvederà a contattare il candidato per la soluzione del problema.

Le segnalazioni inviate nelle giornate festive o prefestive verranno evase nelle successive giornate lavorative.


Copyright © 2023 Riviera Oggi, riproduzione riservata.