32esimi di finale  stadio “Bentegodi” di Verona

 

H. VERONA (3-4-2-1): Montipò; Magnani (44’ st Cisse), Hien, Coppola; Terracciano (35’ st Amione), Hongla (26’ st Duda), Dawidowicz, Doig; Mboula (44’ st Patanè), Ngonge (26’ st Saponara); Djuric. A disp. Berardi, Perilli, Gomez, Ceccherini, Diao, Cabal Murillo, Cazzadori. All. Baroni

 

ASCOLI (4-3-2-1): Barosi; Adjapong (37’ st Falzerano), Simic, Botteghin, Haveri; Caligara (28’ st Gnahoré), Buchel, Masini (15’ st Giovane); Mendes (15’ st Manzari), Millico (28’ st Rodriguez); Forte. A disp. Bolletta, Mengucci, Kraja, Quaranta, D’Uffizi, Falasco, Bellusci. All. Viali

ARBITRO: Piccinini di Forlì

RETI: 2’ pt Mboula (H), 39’ pt rig. Forte (A), 46’ pt Dawidowicz (H), 2’ st rig. Djuric (H)

 

NOTE: ammoniti Masini (A), Simic (A). Spettatori 8.746 (268 i tifosi bianconeri). Rec. 3’ pt, 4’ st.

Questo il commento di Mister Viali al termine di H. Verona-Ascoli:

 

“Subire gol subito avrebbe potuto condizionarci, invece la squadra ha continuato a fare la sua partita, in equilibrio, costruendo anche molto, sotto questo punto di vista sono soddisfatto della prestazione dei ragazzi, per il coraggio con cui hanno giocato, con cui hanno aggredito il Verona nella propria metà campo, anche in fase di possesso abbiamo mosso bene la palla. La cosa che ha condizionato la partita è che abbiamo preso tutti i gol nei minuti sbagliati, nei primi istanti della partita, all’ultimo minuto del primo tempo, quando avevamo in mano la gara dopo il pareggio, e al 1’ del secondo tempo. Abbiamo subìto gol un po’ strani, commettendo errori che non dovevamo fare. E’ la prima partita vera che giochiamo in questo precampionato, la squadra l’ha disputata con idee, coraggio, aggressività e grande spirito di iniziativa in fase di possesso, costruendo più di un’occasione contro una squadra complicata, di categoria superiore, ma alla fine è stato un match abbastanza equilibrato”.


Copyright © 2024 Riviera Oggi, riproduzione riservata.