OFFIDA – Mezzina, tema caldo in questi giorni sulla viabilità e sui lavori in programma.

Di seguito la nota giunta nei giorni scorsi dal sindaco di Offida, Luigi Massa.

La Provincia di Ascoli Piceno ha annunciato una serie di interventi diffusi sulla rete stradale di competenza che saranno realizzati nelle prossime settimane e per questo esprimiamo apprezzamento. Con altrettanto estremo disappunto, amministrativo e politico, è altrettanto forte la stigmatizzazione della vicenda Mezzina per cui la stessa Provincia ha perso ben undici milioni di euro che erano già stanziati per la realizzazione del IV° lotto. È veramente irritante e amministrativamente incomprensibile che da parte degli organi provinciali non sia stata data la benché minima spiegazione formale dell’accaduto. Nessuna spiegazione, nessun atto formale attuato per porre rimedio ad un finanziamento gettato alle ortiche, fatto gravissimo, come evidenziammo qualche tempo fa, che danneggia l’intera comunità picena, tanti Comuni e tanti cittadini che quell’arteria, una delle più importanti della nostra rete viaria, giornalmente percorrono. Non è stato sufficiente il chiedere pubblicamente spiegazioni sull’accaduto, il pretendere che la Provincia attuasse azioni per il ripristino del finanziamento oltreché la verifica delle responsabilità e la presa delle susseguenti e necessarie determinazioni, nulla si è mosso. Tutto ciò non è accettabile e mette nelle condizioni di poter legittimamente pensare che in Provincia su questa vicenda, di gravità epocale, ci sia un atteggiamento di assoluta incuria amministrativa. Per questo chiediamo al Presidente, al Consiliere delegato e a tutto il Consiglio Provinciale di agire nell’immediatezza per sanare l’accaduto. Non si tratta solo di prendere le distanze politiche da questo atteggiamento ma di pretendere il rispetto delle comunità di cittadini che, in ultima analisi, è quello che la Politica deve fare e che in Provincia, su oltre undici milioni di euro persi, non si sta facendo.

Recentemente è arrivata la risposta della Provincia di Ascoli al primo cittadino offidano, ecco la loro nota giunta in redazione.

Desta disappunto ma, soprattutto stupore e grande sorpresa, l’attacco scomposto rivolto all’Amministrazione Provinciale dal Sindaco Massa con riguardo alla vicenda dei finanziamenti relativi alla strada Mezzina. Il primo cittadino è stato, infatti, sempre tenuto costantemente aggiornato a proposito delle azioni concrete in campo amministrativo e politico che la Provincia ha prontamente intrapreso per recuperare i finanziamenti atti alla realizzazione del IV lotto della Mezzina. Tutti gli organi della Provincia sono ben consapevoli che tale arteria costituisce una infrastruttura strategica non solo per il comprensorio di Offida, ma per l’assetto viario dell’intero territorio e si sono mobilitati con sollecitudine per individuare le soluzioni più opportune e sono stati svolti proficui incontri istituzionali diretti a reperire le risorse necessarie ad eseguire l’intervento previsto. Una attività complessa ed intensa, tuttora in corso, che si auspica possa dare i risultati attesi per la comunità locale. Inoltre, per quanto riguarda l’iter tecnico-amministrativo relativo ai finanziamenti, la Provincia ha avviato le dovute verifiche e di ciò è stata data specifica comunicazione anche in ambito di Consiglio Provinciale. Si ribadisce che la Provincia ha fornito ragguagli puntuali sulla situazione con incontri anche in sede politica, a cui lo stesso sindaco di Offida ha partecipato. Appare dunque del tutto inaspettato ed inutile l’intervento polemico sulla stampa dal momento che il Sindaco Massa era stato messo al corrente di tutti i passi compiuti per la Mezzina che era e resta una priorità per l’Amministrazione Provinciale.

E proprio oggi, 21 agosto, una nuova nota stampa del sindaco Luigi Massa in risposta alla nota della Provincia di Ascoli.

Il Presidente Loggi, nella sua replica al mio intervento sulla Mezzina mi accusa di essere stato “scomposto” nella richiesta di avere chiarimenti sulla vicenda degli oltre undici milioni di euro persi e aggiunge che egli avrebbe provveduto ad informarmi, sia in sede amministrativa che politica, di come la Provincia abbia perso i tanti denari che gli erano stati già attribuiti e stornati dalla Regione su altri progetti. Afferma, inoltre, di aver informato circa la procedura di individuazione di eventuali responsabilità tecniche/amministrative avviate dalla Provincia stessa e di quanto si stia facendo in sede istituzionale per recuperare quei fondi. Bene: se così è lo invito ad illustrare pubblicamente quanto dice di aver fatto perché al momento ciò che risulta essere “scomposta” e “fumosa” è proprio la sua nota di risposta perche tutte queste spiegazioni il sottoscritto non le ha ricevute. Stimo il Presidente Loggi ma egli farebbe bene ad essere chiaro e trasparente, se non ha motivi che non conosco per non farlo, a spiegare e chiarire la vicenda ai cittadini piceni che hanno subito un’enorme perdita di risorse. A me interessa solo questo, evidentemente. Aggiungo sempre sulla Mezzina: da mesi il Presidente si è impegnato ad adeguare le limitazioni di velocità a cinquanta chilometri all’ora su quell’arteria, giuste in fase di cantiere, ai settanta ma dopo tanti mesi quei limiti sono ancora li senza ragioni apparenti dopo che sono stati spesi circa otto milioni di euro sul nuovo tratto, ora o la Provincia ci dice ufficialmente e pubblicamente che la Mezzina è un asse viario equiparato a strada urbana per cui quei limiti sono adeguati, ma a questo punto non capiamo la logica di aver speso quella somma su un progetto di una strada qualificata come urbana perchè allora sarebbe stato meglio e meno dispendioso adeguare il vecchio tracciato, oppure ci spieghi che cosa stia succedendo. Presidente qui non si tratta di avere reconditi fini che il sottoscritto non ha, e mi auguro non li abbia nemmeno lei, ma di informare i cittadini piceni su questi temi, a me solo questo interessa.


Copyright © 2024 Riviera Oggi, riproduzione riservata.