ASCOLI  PICENO –  I bianconeri di mister Castori reduci dal pari di Reggio Emilia si preparano alla prossima sfida contro la capolista Venezia, sabato 2 dicembre alle ore 14, al “Penzo”

Domani la squadra partirà, subito dopo pranzo,dopo la rifinitura mattutina alle ore 10. Oltre ai lungodegenti, anche oggi è rimasto a riposo Caligara; differenziato per Falzerano, alle prese con un risentimento muscolare.

Mister Castori oggi in conferenza stampa è tornato a parlare della partita di Reggio Emilia prima di proiettarsi al prossimo impegno di campionato col Venezia: Con la Reggiana mi sono piaciuti l’approccio, la mentalità e la volontà di interpretare la partita come chiedo io; non abbiamo ancora 90’ per giocare come vorrei, ma ho apprezzato, come detto a caldo, l’impegno e la generosità dei ragazzi. Non mi piace parlare degli assenti perché toglierei forza e fiducia a chi va in campo e poi perché, se manca qualcuno, dev’essere l’opportunità per altri di dimostrare d’essere all’altezza. Caligara e Falzerano mancheranno.

Il Venezia è primo in classifica ed è reduce da quattro vittorie consecutive, lo dicono i numeri che è una squadra forte, ma dobbiamo pensare a noi stessi e a fare risultato perché ci servono punti. Opporremo le nostre armi e risorse, dobbiamo iniziare a crearci un’identità di squadra e la personalità per giocarci ogni partita. Non vedo motivi per apportare modifiche alla squadra di Reggio, se cambi sempre non si crea un’identità. Ci siamo allenati bene e stiamo crescendo di condizione, faremo il massimo di quello che possiamo fare e siamo convinti di poter fare risultato”.

Le dichiarazioni del portiere Emiliano Viviano: Mi aspettavo un campionato di minore difficoltà, ma ci sono state situazioni che ci hanno portato a questa posizione di classifica. Mister Castori vuole una squadra corta, aggressiva, pressione sul portatore di palla e per questo dobbiamo migliorare sotto l’aspetto fisico. Credo che la Reggiana sabato sia stata superiore solo dal punto di vista del palleggio, ma alla fine avremmo potuto portare a casa i tre punti se Manzari e Bayeye l’avessero messa dentro. Il Venezia è una delle squadre favorite, se non la favorita, è ben allenata, dotata di buoni calciatori e merita la classifica che ha. Credo che però tutte le squadre abbiano punti deboli e andremo al Penzo con l’intenzione di far male alla capolista utte le squadre hanno punti deboli . La tifoseria ascolana la conosco da anni, ho affrontato il Picchio la prima volta nel 2004. Sono sorpreso dal fatto che qui tutti i bambini tifino Ascoli, cosa che non capita neanche a Firenze..

 


Copyright © 2024 Riviera Oggi, riproduzione riservata.