ASCOLI PICENO – Al “Del Duca” scendono in campo Ascoli e Spezia per la  sedicesima giornata del campionato di Serie B 2023/24. Termina 2 a 1 per gli ospiti e Picchio che sprofonda al penultimo posto, fermo a 13 punti e raggiunto proprio dallo Spezia, seconda sconfitta consecutiva e tifoseria che contesta società e dirigenza.

Il tecnico dello Spezia, Luca D’Angelo:“Vittoria importante tutti felici, il fatto che abbia segnato Hirstov ci fa molto piacere. Sappiamo che l’Ascoli ha un tipo di gioco molto aggressivo e ce la siamo giocata con le stesse armi, nel primo tempo abbiamo avuto diverse occasioni. Abbiamo sofferto la fisicità dell’Ascoli nei calci piazzati vengono in molti a saltare in area. Nel finale erano più stanchi di noi. Ho visto l’Ascoli di Castori sia a Reggio Emilia che Venezia oggi ce la siamo giocata bene. Mendes è un giocatore difficile da marcare, un combattente vero abbiamo faticato sulla verticalità ma non abbiamo mai rischiato.”

Il Mister dei bianconeri, Fabrizio Castori:”Sconfitta immeritata, abbiamo fatto la prestazione, organico ridotto non siamo al completo. L’uscita di Bellusci è stata fondamentale. Un pugno allo stomaco questa sconfitta, loro hanno fatto un gol su rigore e uno creato da punizione, ci abbiamo messo cuore, impegno, carattere e condizione fisica. Commesse ingenuità tecniche con dei limiti di gioventù. . Quando cominciamo a mancare i tasselli importanti cala la caratura tecnica. Non ci nascondiamo i ragazzi hanno dato tutto, ci sono criticità come gli infortuni, Bellusci rimesso in sesto in un allenamento, Tavcar e Bogdan sono fuori e sono di lungo corso, poi magari quando vengono meno giocatori importanti caliamo in tutto. Nestorovski non lo avremo a breve. A gennaio ci penserà la società a rimettere a posto le cose. Loro avevano giocatori di altissimo livello. Dobbiamo rialzare la testa e non deprimerci. La condizione fisica è cresciuta e speriamo passi questo momentaccio.

D’uffizi ha spaccato la partita ha questa caratteristica, ha qualità e guizzo quando prende palla è insidioso poteva anche fare meglio come la scelta del passaggio sul due contro uno nel finale. Oggi eravamo carichi al punto giusto. ”

 

Danilo Quaranta: “Dispiace aver preso due gol così sulla punizione devo rivedere mi sembrava fossimo scappati in linea ma non è andata così. C’è rabbia e dispiacere la prestazione c’è stata abbiamo dato quello che la gente ci aveva chiesto, c’è qualcosa da limare ma non abbiamo portato a casa punti. C’è da lavorare duramente dobbiamo guardare avanti. Personalmente per me giocare a 4 o 3 in difesa è indifferente, con questo modulo riusciamo bene è la strada giusta.”

 

 

 

CRONACA E TABELLINO

Ascoli-Spezia, 1-2. Beffa nel finale per il Picchio e contestazione dei tifosi


Copyright © 2024 Riviera Oggi, riproduzione riservata.