APPIGNANO – Si apre ad Appignano la nuova stagione teatrale 2024 del teatro G. Gasparrini, a cura dell’amministrazione comunale in collaborazione con l’associazione culturale “Gli Stronati”, gestore del teatro.

Sette gli appuntamenti tra cultura e divertimento, sia per adulti che per bambini, che prenderanno il via sabato 14 gennaio e termineranno sabato 18 maggio. Sarà proprio il teatro dialettale ad aprire la stagione teatrale sabato 14 gennaio, alle ore 17,30, con lo spettacolo della compagnia Filarmonico Drammatica CFD “Fa quello che lù prete dice non quello che lù prete fa” di Giancarlo Verdicchia, diretto da Fabio Campetella.

Il 17 febbraio, alle ore 21,15,  sarà, invece, la volta di “Apparis Scomparis”, il nuovo show di magia e comicità di Andrea Paris, dove il noto attore e mago, divenuto famoso con le trasmissioni televisive “Italia’s Got Talent” e “Tu si que vales”, coinvolgerà il pubblico presente con prestidigitazione e mentalismo in un escalation di ritmo e comicità.

Il 3 marzo, alle ore 17,30, il teatro Gasparrini ospiterà uno spettacolo dedicato ai bambini dal titolo “ Arrivi e Partenze – Ovvero storie in valigia”, messo in scena dal Teatro giovani teatro Pirata di Jesi, che da più di trenta anni opera su tutto il territorio nazionale nell’ambito del Teatro Educazione e Teatro Ragazzi. Una piacevole e coinvolgente narrazione per i più piccoli ideata e portata in scena da Gianfrancesco Mattioni, attore storico del Teatro Pirata.

Il 16 marzo, alle ore 21,15, Matteo Canesin presenterà “Edmund Kean  – Genio e Sregolatezza”, il celebre monologo che rievoca la figura di Edmund Kean, stella del teatro inglese tra il secondo Settecento e il primo Ottocento e che descrive la sua esistenza attraverso Shakespeare. Lo spettacolo sarà impreziosito dalla musica dal vivo del Maestro Lucio Matricardi.

Il 13 aprile, alle ore 21,15, andrà in scena “Scoop – Donna sapiens”, il nuovo spettacolo di Giobbe Covatta, che vuole dimostrare, con il suo linguaggio irriverente e dissacratorio, la superiorità della donna sull’uomo. Il celebre comico spazierà dalla storia alla sociologia e alla medicina ridicolizzando e sminuendo la figura del maschio. Non mancheranno interviste impossibili con personaggi importanti per supportare questa tesi: da Dio stesso, che svelerà gli esilaranti retroscena della creazione dell’uomo e della donna, fino a un improbabile uomo del futuro, che metterà in guardia  il pubblico sui rischi di un mondo assoggettato all’arroganza maschile. Una dimostrazione d’amore e di rispetto per le donne, alle quali l’artista dedicherà un poetico omaggio finale.

Il 5 maggio, alle ore 17,30, tornerà protagonista il dialetto del territorio con  lo spettacolo “O’ corriere espresso”, messo in scena dalla Compagnia Teatrale “Briciole D’arte” di Montefano.

La rassegna teatrale si chiuderà il 18 maggio, alle ore 21,15, con l’evento di solidarietà  “Insieme per la Pandas”, una conferenza-concerto di beneficenza a favore dell’associazione Onlus Pandas Italia, che si occupa dei bambini colpiti da disturbi neurologici e psichiatrici indotti da reazione autoimmune.

Una stagione teatrale variegata con appuntamenti di rilevanza sociale e culturale, studiati per creare un ambiente inclusivo che favorisca la partecipazione dei nostri concittadini di tutte le età – ha dichiarato il sindaco Mariano Calamita. “Non mancheranno gli spettacoli dialettali che contribuiscono alla preservazione della nostra memoria collettiva ricca di tradizioni e alla valorizzazione della lingua e dell’identità della comunità, offrendo un’esperienza teatrale divertente e coinvolgente”.

 


Copyright © 2024 Riviera Oggi, riproduzione riservata.