OFFIDA – Un’applicazione, scaricabile sul Play Store, ricostruisce in 3D il Monumento alle Merlettaie. A realizzarla è stato il ventiseienne Emanuele Serbati, come risultato finale della sua tesi magistrale all’Università di Macerata.

“Ho avuto l’opportunità di ricostruire in 3D il Monumento alle Merlettaie – commenta il dottore in Ricerca storica e risorse della memoria – grazie a tecniche fotogrammetriche, e successivamente di importarlo tramite Unity in un’applicazione per Android. Merlettaie in VR (Virtual Reality) vi permetterà di osservare il monumento grazie all’utilizzo di un visore Cardboard, offrendovi un’esperienza immersiva e interattiva”.

Serbati propone con il suo lavoro nuovi modi di fruizione del patrimonio culturale, sicuramente più democratica e per avvicinare le fasce più giovani degli utenti grazie all’aiuto della tecnologia immersiva. Con l’obiettivo didattico di favorire la sensibilizzazione verso le opere d’arte.

“L’informatica trova spazio nella conservazione del patrimonio – continua Serbati – La realtà virtuale non è appannaggio solo delle cosiddette scienze dure, ma può aiutare a rendere più accessibile i monumenti e la storia di un certo territorio”.

Nell’app, oltre ad aver creato una versione della statua che è possibile vedere in 3D, Serbati ha inserito delle informazioni che riguardano il monumento in sé e sulla storia di Offida.

Serbati, che dopo la laurea attualmente svolge il Servizio civile al Comune di Offida, sta lavorando ad altri progetti, ma conta di aggiungere descrizioni e altri elementi interattivi alla sua applicazione.

“Spero che l’App che piaccia – conclude Serbati – quanto è piaciuta a me crearla!”


Copyright © 2024 Riviera Oggi, riproduzione riservata.