Di Chiara Tremaroli

ASCOLI PICENO – La Cartiera Papale di Ascoli Piceno è un maestoso e affascinante complesso medioevale, risalente al 1100. Incanalando la corrente del torrente Castellano, grazie ad un sistema di mulini ad acqua, l’edificio era anticamente adibito a varie attività lavorative, quali la cartiera, la concia delle stoffe e la ferriera. Esempio straordinario di archeologia industriale, al giorno d’oggi la Cartiera è sede di musei ed esposizioni.

Quest’estate l’edificio ha una nuova attrattiva: un esclusivo itinerario in inglese, che guiderà i visitatori attraverso l’intero complesso. Il giro in lingua è disponibile ogni mercoledì e venerdì, dalle ore 16 in poi. E’ un’opportunità nuova e diversa per vivere l’antico opificio, e permetterà ai tanti visitatori stranieri di conoscere e godere appieno questo splendido angolo della città.

Il percorso inizia con il museo della carta: nelle Sale della Cartiera sono conservate perfette ricostruzioni dei macchinari con cui si lavoravano le fibre. A seguire, sarà possibile osservare le macine di pietra originali usate per produrre la farina.

Una sezione del museo ospita la mostra permanente “Tutta l’Acqua del Mondo”: si tratta di un percorso interattivo con schermi touchscreen, mappe tridimensionali e allestimenti, interamente dedicato all’acqua. Inoltre, sono esposte periodicamente mostre temporanee di scienza, arte e di tecnologia

All’ultimo piano, infine, è conservata la collezione “Antonio Orsini”, una serie di reperti naturalistici rinvenuti dal naturalista nel corso dell’ottocento; nel museo sono esposti minerali e fossili di dinosauro.

Per informazioni e prenotazioni, contattare il numero: 333327 6129.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 93 volte, 1 oggi)