ASCOLI PICENO – L’attaccante bianconero Lorenzo Rosseti, autore di una bella prestazione macchiata solo dal rigore parato a Salerno parla del match contro i campani ma anche della sfida col Venezia che attende i bianconeri al “Del Duca” sabato pomeriggio.

“Non conoscevo il portiere avversario perché fino a quel momento non aveva mai giocato. Probabilmente ho sbagliato ad attendere troppo, ho guardato l’arbitro e forse mi sono un po’ deconcentrato. Comunque a Salerno abbiamo avuto le nostre occasioni e dobbiamo ripartire da quelle in vista del match col Venezia. E’ presto per dire se i punti che abbiamo in classifica rispecchino quanto mostrato in campo, ma una cosa è certa: con Novara e Salernitana avremmo meritato di più. Cerchiamo sempre di giocare per vincere e lo faremo anche sabato, sta a noi riprodurre in campo quanto i mister ci spiegano in settimana.”

Sullo staff  tecnico: “Lo staff tecnico ha un’idea di gioco che ci sta trasmettendo, ci vuole un po’ di pazienza a trovare gli spazi, ma le occasioni ci capitano lo stesso e bisogna essere bravi a sfruttarle. In coppia con Favilli? Come impiegarmi lo decide il Mister.  Se dovesse giocare Andrea sarò contento per lui, se giocherò io, cercherò di farmi trovare pronto. Se ho 90′ nelle gambe? Sì, ci sono, ma è normale che, se lavori tanto per la squadra, ad un certo punto della gara puoi accusare un po’ di stanchezza e chiedere il cambio. Col Venezia dovremo avere pazienza, è una squadra che ha incassato pochi gol e che difende con tutti gli uomini dietro la linea della palla; noi dovremo aspettarli e sfruttare le occasioni che ci capiteranno. Obiettivo personale? Sono contento intanto di stare bene dopo l’infortunio che ho avuto; cerco di dare sempre il meglio per la squadra, se poi arriveranno anche i gol, meglio. Se mi vedo nel futuro dell’Ascoli? Ho un contratto di quattro anni e l’intento è quello, ad Ascoli sto benissimo e la Società è importante”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 54 volte, 1 oggi)