ASCOLI PICENO – L‘Ascoli Calcio riprende a lavorare dopo la sconfitta  per 3-2 in casa contro il Padova nel giorno della festa dei suoi 120 anni, festa rovinata anche dall’episodio del momentaneo 1-1 dei biancoscudati realizzato con due giocatori bianconeri a terra.

A parlare per il club di corso Vittorio Emanuele è il centrocampista Federico Casarini: “Stiamo analizzando la partita contro il Padova e nei prossimi giorni  la analizzeremo ancora meglio, c’è stato l’episodio dello scontro che ci ha infastidito e loro hanno preso coraggio. Il nostro errore è stato proprio innervosirsi e non cercare subito il 2-1, anche se poi ci siamo ripresi. Mi metto nei loro panni sull’1-1, era difficile buttarla fuori ma sarebbe stato un gesto di grande fair play.  Qualcuno dei loro si è scusato a fine partita? Che io sappia no, non se n’è parlato più; a termini di regolamento avevano ragione, anche se tra colleghi, con due giocatori a terra, sarebbe stato un bel gesto mettere il pallone fuori”.

“Io sono a disposizione del mister – prosegue il centrocampista carpigiano – preferisco giocare mezzala ma mi piace anche giocare davanti alla difesa. C’è molta fiducia, non è un ko come quello di Livorno, la prestazione c’è stata, il loro portiere ha fatto interventi miracolosi, ripartiamo da un buon punto. Il mio rendimento? E’ logico che ognuno voglia di fare di più, sta a me mettere in difficoltà il mister”.

A Pescara, contro una squadra di alta classifica, tutte e due le squadre vorranno dimostrare che l’ultima partita non ha detto il vero – continua Casarini – la prepareremo comunque come tutte le altre anche se so che è una gara molto sentita. Veniamo da due partite con Benevento e Verona con risultati e prestazioni ottime, l’ultima sconfitta non è venuta nei peggiori dei modi, vogliamo portate a casa punti. La festa è stata una cosa particolare e bellissima, quando sono arrivato allo stadio la curva era già piena, ho avuto anche il privilegio di assistere allo spettacolo tra primo e secondo tempo, bellissimo”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.