ROMA – Lunedì il Ministro dell’Interno Matteo Salvini ha firmato un decreto con cui sblocca 37 milioni di euro che serviranno per realizzare 428 sistemi di videosorveglianza in altrettanti comuni italiani. “Più sicurezza, più legalità, più ordine!” scriveva il leader del Carroccio sul suo profilo Facebook.

L’atto del Viminale ha delle conseguenze anche per le Marche. A spiegarle ci pensa oggi Paolo Arrigoni, senatore della Lega e pure responsabile regionale per il partito di Salvini.

Nelle Marche – dice proprio Arrigoni – è stata premiata la richiesta di finanziamento di ben 32 comuni con un contributo complessivo di circa 1.550.000 euro.” La sola San Benedetto dovrebbe ricevere dal Ministero oltre 400 mila euro.

La graduatoria redatta dal Ministero prevede il diritto all’accesso ai fondi anche per altri sei comuni della Provincia di Ascoli oltre a San Benedetto, si tratta di: Arquata, Offida, Monsampolo, Montalto e Ripatransone. Per questi comuni i fondi dovrebbero coprire almeno il 50% della spesa prevista dai progetti-telecamere.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 475 volte)