ASCOLI PICENO – Dopo i pareggi con Foggia e Carpi, l’Ascoli è pronto a giocare la delicata sfida contro il Livorno domani 10 marzo alle ore 15 al “Del Duca”; toscani reduci dalla vittoria casalinga contro il Benevento e che stanno attraversando un brillante periodo che gli ha permesso di scalare posizioni in classifica ma che non avranno il portiere Mazzoni, fermato per non aver superato un controllo antidoping.

Le parole dell’allenatore dell’Ascoli Vincenzo Vivarini alla vigilia del match: “E’ una partita importantissima per noi dobbiamo assolutamente fare risultato, incontriamo una squadra in salute, c’è bisogno dell’aiuto di tutti. A Carpi abbiamo giocato bene nel primo tempo, nel secondo abbiamo dovuto stringere i denti, abbiamo avuto più occasioni per chiudere la partita, la squadra ha dimostrato di avere qualità, è un campionato difficile dove si può vincere con le prime e perdere con le ultime”.

“Mi aspetto un Livorno propositivo – prosegue il mister bianconero – si è ben consolidato nei suoi atteggiamenti, difendono bene e ripartono, bisognerà stare attenti. In settimana abbiamo fatto un gran lavoro, speriamo di vederlo domani. Ciciretti? E’ un discorso lungo, lui è arrivato a gennaio, si deve calare nella realtà Ascoli, stiamo lavorando per farlo integrare e sfruttare le sue grandissime qualità, lo vedo molto meglio. Lo abbiamo provato sia vicino alla porta sia più decentrato, è venuto fuori che è soprattutto un aspetto mentale, è entrato in punta di piedi ma adesso serve un atteggiamento diverso e lui lo ha capito”.

“In difesa sono tutti disponibili, Padella rientra dalla squalifica, Quaranta e Laverone hanno recuperato dai loro problemi. In attacco dobbiamo prendere atto che nelle ultime tre partite ho visto un lavoro di reparto, Rosseti Beretta e Ngombo hanno fatto bene. Sono curioso di rivedere Rosseti, col Livorno mi aspetto una grande partita. Beretta ha avuto un’evoluzione, prima faceva le guerre solo contro tutti, adesso oltre la sua generosità sta lavorando in sincronia con il compagno di reparto, speriamo di rivederlo anche domani”.

“Per un’infinità di motivi sarà una partita importante per noi – conclude Vivarini – c’è bisogno dell’aiuto di tutti, dobbiamo essere bravi a non correre nessun rischio per la salvezza, il “Del Duca” deve diventare il nostro fortino. Ardemagni? Non sarà tra i convocati ma sta recuperando, in settimana ha iniziato a fare alcuni esercizi con i compagni, la prossima proverà a calciare. Lanni? Credo che presto sarà pronto anche lui. Diamanti? Un giocatore da tenere d’occhio, così come Giannetti e Raicevic, dovremo essere bravi a limitarli”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.