SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Appuntamento di forte rilievo, il 4 luglio a San Benedetto dalle 9.30,  per le imprese marchigiane interessate all’integrazione di tecnologie di industria 4.0.

Universal Robots, azienda danese leader del settore che sviluppa robot industriali flessibili, dopo le tappe lombarde, emiliane e venete in una sorta di “giro di Italia della robotica industriale”, organizza un workshop dal titolo: “Evoluzione della robotica collaborativa” presso la sede del proprio distributore ufficiale Fortek.

L’evento fornirà l’occasione per approfondire in senso teorico, e sperimentare in modo pratico, vantaggi derivanti dall’automazione con i robot collaborativi, strumenti che hanno dimostrato l’esistenza di un tipo robotica in grado di fornire produttività ed efficienza a tutti i settori industriali, in aziende di ogni dimensione senza sacrificare posti di lavoro, anzi generando nuove opportunità di impiego per gli operatori.

La flessibilità produttiva che i cobot (come vengono confidenzialmente chiamati i robot collaborativi) esprimono, consente tanto alle PMI quanto ai grandi player industriali, di rispondere con prontezza ai cambiamenti di scenario produttivo, data la possibilità di svolgere diversi compiti come: l’asservimento delle macchine utensili, l’assemblaggio, la movimentazione, le attività tipiche di fine linea e cosi via.

«I cobot stanno guadagnando fette di mercato importanti – commenta Francesco Croci, Direttore commerciale di Fortek – perché esprimono davvero, con la loro flessibilità, un vantaggio tecnologico e produttivo importante per le imprese.  Da un lato hanno raggiunto un livello di sviluppo tecnico e di sicurezza molto elevato. Dall’altro le aziende stesse stanno iniziando a capire che la robotica collaborativa non è solo una robotica più leggera, ma è un modo diverso di concepire la produzione e i processi, e un modo per includere l’uomo all’interno di essi. Sono il catalizzatore di un cambio di paradigma che sta iniziando a diffondersi».

Nel corso della giornata di lavori verrà dato ampio spazio sia ad approfondimenti tecnici, sia pratici su uso, installazione e potenzialità dei cobot, anche grazie a una nutrita serie di demo applicative live. Per iscriversi gratuitamente .

I cobot, sono macchine di piccola taglia che si possono installare e programmare facilmente e spostare nei reparti produttivi in base all’esigenza. Rispetto ai robot industriali “tradizionali”, tipicamente molto pesanti e “stanziali” nel reparto produttivo, i cobot garantiscono grande flessibilità produttiva, potendosi appunto “muovere” e rimettere in azione con pochissimi passaggi. Un “utensile intelligente e molto evoluto” nelle mani dell’operaio che, grazie a semplicità e intuitività a livello di programmazione, non necessita di specifiche competenze pregresse per utilizzarlo al massimo livello.
I cobot sono nati così, primariamente in risposta al bisogno di automazione delle piccole e medie imprese.

I cobot Universal Robots sono dotati di 17 funzioni di sicurezza che li rendono applicabili anche in contesti in cui devono lavorare a stretto contatto con l’operatore. In più l’80% dei casi i cobot UR vengono implementati (previa analisi dei rischi) senza l’ausilio di barriere di protezione, dando origine a una condivisione di spazi e mansioni che ha rivoluzionato il modo di intendere la robotica industriale. Vengono programmati con il tablet o “Free Drive” muovendo il braccio nello spazio e registrando le traiettorie che la macchina deve compiere.

 


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.