SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Appuntamento di forte rilievo  per le imprese marchigiane interessate all’integrazione di tecnologie di industria 4.0. Alla fortek di San Bendetto del Tronto, l’Universal Robots, azienda danese leader del settore che sviluppa robot industriali flessibili, ha organizzato un workshop dal titolo: “Evoluzione della robotica collaborativa”.

E’ stata presentata la tecnologia dei cobot, robot collaborativi, un tipo robotica in grado di fornire produttività ed efficienza a tutti i settori industriali, in aziende di ogni dimensione senza sacrificare posti di lavoro, anzi generando nuove opportunità di impiego per gli operatori. Nel corso della giornata di lavori è stato dato ampio spazio sia ad approfondimenti tecnici, sia pratici su uso, installazione e potenzialità dei cobot, anche grazie a una nutrita serie di demo applicative live. I cobot garantiscono grande flessibilità produttiva, potendosi appunto “muovere” e rimettere in azione con pochissimi passaggi. Un “utensile intelligente e molto evoluto” nelle mani dell’operaio che, grazie a semplicità e intuitività a livello di programmazione, non necessita di specifiche competenze pregresse per utilizzarlo al massimo livello.

Francesco Croci, direttore commerciale di Fortek: “Oggi tocchiamo molti argomenti che si sposano tra loro, davanti ad pubblico molto ampio che comprende integratori, PMI e enti, ognuno rappresenta una fonte importante a cui teniamo.”

Alessio Tocchi responsabile Ur Italia. ” Stiamo facendo una una sorta di “giro di Italia della robotica industriale”, il nostro lavoro ha  inizio nel 2016 quando ho aperto la sede italiana per distribuzione del nostro prodotto al centro sud. Abbiamo 250 distributori in tutto il mondo per avere una gestione locale. Forniamo grandi multinazionali con un prodotto performante. Abbiamo 3 modelli di robot non personalizzabili perché sono già full optional. Un’accessoristica plug and play per fronteggiare in maniera veloce e standard tutto. Per noi la formazione è fondamentale le competenze si possono acquisire e per questo abbiamo un accademy gratuita online dopo di che i clienti possono programmare il proprio cobot. Parliamo di robotica collaborativa non ruba lavoro ma aiuta, l’uomo  che rimane ed è il valore aggiunto delle fabbriche. ”
Anche Vignotti della Sick, ha ribadito il concetto di robot come collaborazione e aiuto all’uomo: “Vogliamo togliere la parte alienante del lavoro, dobbiamo essere certi di usare la tecnologia giusta dobbiamo scegliere quella che veramente ci serve così come diceva il nostro fondatore.”

 


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.